lunedì 05 dicembre | 19:58
pubblicato il 05/lug/2014 15:51

Riforme: De Poli (Udc), prima Senato e poi correggere Italicum

(ASCA) - Roma, 5 lug 2014 - ''Non si puo' pensare di fare una legge elettorale senza avere prima avere definito in modo chiaro la cornice istituzionale in cui essa si inserisce, a partire dal Senato. In altre parole non si possono fare le riforme senza ne' testa ne' coda. Prima chiudiamo la riforma del Senato e solo a quel punto potremo correggere l'Italicum''. Lo afferma il vicesegretario vicario Udc Antonio De Poli aggiungendo, a commento di quanto detto dal presidente del Pd Matteo Orfini, che ''ci dispiace constatare che dal Pd arrivi una chiusura cosi' netta sulle preferenze.

Siamo consapevoli che i diktat, di certo, non aiuteranno a far si che si trovi un ampio consenso tra le forze parlamentari sulle 'regole del gioco'''.

com-fdv

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum, Grillo: addio Renzi, ha vinto la democrazia
Riforme
Referendum, affluenza finale 68,48%. Si è votato di più al Nord
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari