lunedì 20 febbraio | 21:41
pubblicato il 05/lug/2014 15:51

Riforme: De Poli (Udc), prima Senato e poi correggere Italicum

(ASCA) - Roma, 5 lug 2014 - ''Non si puo' pensare di fare una legge elettorale senza avere prima avere definito in modo chiaro la cornice istituzionale in cui essa si inserisce, a partire dal Senato. In altre parole non si possono fare le riforme senza ne' testa ne' coda. Prima chiudiamo la riforma del Senato e solo a quel punto potremo correggere l'Italicum''. Lo afferma il vicesegretario vicario Udc Antonio De Poli aggiungendo, a commento di quanto detto dal presidente del Pd Matteo Orfini, che ''ci dispiace constatare che dal Pd arrivi una chiusura cosi' netta sulle preferenze.

Siamo consapevoli che i diktat, di certo, non aiuteranno a far si che si trovi un ampio consenso tra le forze parlamentari sulle 'regole del gioco'''.

com-fdv

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
M5s
Vertici M5s a Roma, possibile incontro Grillo-Raggi in Campidoglio
Elezioni
Blog Grillo: pazienza italiani ha un limite, lasciateci votare
Pd
Enrico Letta: Pd non può finire così, attonito da cupio dissolvi
Pd
Pd, Rossi: nasceranno nuovi gruppi parlamentari pro governo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia