venerdì 02 dicembre | 21:10
pubblicato il 25/mag/2012 19:34

Riforme/ Da Bersani no a Pdl, ma nel Pd molti vogliono 'vedere'

Non è solo Parisi a temere rischio passare per sabotatori riforme

Riforme/ Da Bersani no a Pdl, ma nel Pd molti vogliono 'vedere'

Roma, 25 mag. (askanews) - La risposta di Pier Luigi Bersani a Silvio Berlusconi è un no tondo, il segretario Pd aveva già da ieri preparato la replica all' "annuncio" pidiellino. "Non ci sono le condizioni", è stata la reazione immediata del leader democratico al rilancio berlusconiano sul semipresidenzialismo. Certo, ragiona più di un deputato Pd, "dare l'immagina di un 'inciuco' con Berlusconi sul presidenzialismo è l'ultimo dei desideri di Bersani in questo momento". Il fatto è che la questione è molto più complicata, ci sono altri elementi da valutare e non è il solo Arturo Parisi a ritenere che bisognerebbe andare a 'vedere le carte' del Pdl, se non altro per un'esigenza tattica, evitare che il Pd si assuma la responsabilità di dire no alle riforme. Una riflessione che avrebbero fatto anche dirigenti come Dario Franceschini, Walter Veltroni. Senza contare, fa notare più d'uno, che proprio oggi è uscito in edicola l'espresso con l'intervista in cui Massimo D'Alema che dice "se venisse proposto il modello francese, il semipresidenzialismo, l'elezione diretta del presidente della Repubblica, non avrei nulla in contrario". Luciano Violante, responsabile riforme, concorda sul fatto che non ci sono i tempi per approvare il semi-presidenzialismo, ma aggiunge anche che "sarebbe un errore chiudere la porta in faccia al Pdl". Secondo l'ex presidente della Camera questa è la risposta che il Pd dovrebbe dare: "Approvare la riforma costituzionale (in discussione al Senato, ndr) con le correzioni necessarie, fare una legge elettorale a doppio turno e, contemporaneamente avviare una riflessione seria tra tutti sul semipresidenzialismo, perché non basta un patto Pd-Pdl e poi questo tema. E la riforma si potrà poi completare nella prossima legislatura". Percorso simile a quello che Franceschini ha illustrato ai suoi: bisogna andare a vedere il bluff, ha detto il capogruppo Pd, anche perché la legge elettorale a doppio turno può essere approvata comunque; si fa la legge elettorale alla francese, si avvia il confronto sul semi-presidenzialismo e, se non si riesce, come probabile, a condurre in porto la riforma costituzionale in questi pochi mesi, si può completare il lavoro nella prossima legislatura. Il Pd otterrebbe il doppio turno e, soprattutto, eviterebbe di passare come l'affossatore delle riforme. Altri, come Rosy Bindi, si schierano più sulla linea del segretario: "La proposta di una modifica costituzionale in senso presidenzialista, è l'ennesimo diversivo per far saltare il tavolo delle riforme. Da settimane Berlusconi promette una svolta per far uscire il Pdl dall'empasse in cui si dibatte". Ma se nessuno, tra i democratici, dubita che la mossa di Berlusconi sia una furbata, il dubbio è sulla posizione da tenere. "Se portano l'emendamento in commissione - ragiona un senatore Pd - che facciamo? Votiamo contro? E perché?". Certo, il rischio di apparire 'inciucisti' - di nuovo, dopo l'esperienza della Bicamerale - è un argomento forte e finora ha spinto il leader Pd sulla linea del "non ci sono le condizioni". Con Grillo che imperversa, Di Pietro pronto gridare al complotto, Bersani non vuole prestare il fianco. Ma è anche vero che dire no metterebbe il Pd nella altrettanto scomoda posizione dei 'conservatori dello statu quo'.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Riforme
Renzi: risultato aperto, in 48 ore ci giochiamo i prossimi 20 anni
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari