domenica 04 dicembre | 23:24
pubblicato il 24/lug/2014 10:04

Riforme: D'Attorre (Pd), andare alle urne? Non spaventa nemmeno bambini

(ASCA) - Roma, 24 lug 2014 - ''Minacciare elezioni se non passano le riforme e' da Tafazzi''. E' quanto afferma, in un'intervista al quotidiano 'la Repubblica', il deputato del Pd Alfredo D'Attorre, esponente della corrente Area riformista, dopo le posizioni prese da alcuni esponenti del suo partito.

''A Renzi non l'ho sentito dire personalmente - precisa D'Attore -. Pero' esponenti vicini a Renzi come Roberto Giachetti, che e' vice presidente della Camera, e Matteo Orfini presidente del partito, hanno agitato lo spauracchio.

Ma la minaccia di elezioni anticipate non spaventa nessuno, anche un bambino sa riconoscere una pistola ad acqua''.

Quindi spiega: ''Andare al voto con il Consultellum, la legge elettorale uscita dalla sentenza della Consulta, non va bene ne' per il Paese, ne' per il Pd, ne' per Renzi. Noi Democratici saremmo i piu' danneggiati da un voto anticipato con il proporzionale puro, con una preferenza singola e con circoscrizioni di ampiezza regionale''.

sgr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum, affluenza boom alle urne: alle 19 è già al 57,24%
Riforme
Referendum,Centro-Nord spinge affluenza oltre 60%,Sud sotto il 50%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari