domenica 26 febbraio | 00:27
pubblicato il 24/lug/2014 11:50

Riforme: D'Anna (Gal), pronti a dimetterci

(ASCA) - Roma, 24 lug 2014 - ''Renzi mistifica il problema che non e' la salvaguardia delle prebende dovute ai senatori, ma quello della salvaguardia del diritto degli italiani a scegliere i parlamentari. Dimettiamoci e sciogliamo noi il Senato oppure abbia il coraggio 'madame Verdurin' di proporre la soppressione di ogni emolumento ai parlamentari, ivi compreso quello del presidente del Consiglio''. Cosi' il senatore Vincenzo D'Anna , vicepresidente del gruppo Grandi Autonomie e Liberta', intervenendo nell'Aula di Palazzo Madama per esprimere il voto contrario del Gal all'emendamento 1.1 presentato da Sel. ''Sono stato deputato per due anni e mezzo - ha aggiunto -, ho sentito i Franceschini, i Fassino, i Di Pietro invocare la liberta' e la democrazia contro il caimano, lo psiconano, il pericolo per la democrazia, impersonato da Silvio Berlusconi, all'epoca fonte di ogni sfacelo che era accaduto o poteva accadere. Ma, chiedo ai colleghi del Pd, avete subito una trasformazione genetica? Siete stati investiti da radiazioni? Siete una mutazione politica e biologica al tempo stesso di quelle persone? Voi assistete inermi a un tentativo, per mero scopo partitico, di sopprimere un elementare diritto che e' quello degli elettori di scegliersi deputati e senatori perche' questa volta vi conviene. Quelle mezze vestali della democrazia che ci ammonivano sui pericoli del berlusconismo che fine hanno fatto? Ovviamente volete approfittare di un popolo distratto, che ci ha schifato come classe politica. E a furia di mettere fango nel ventilatore per sbarrare la strada a Silvio Berlusconi avete delegittimato le istituzioni e la politica e oggi sfruttate quel rigetto verso la politica per turlupinare quella restante parte del popolo italiano che invoca la democrazia''. Quindi D'Anna ha concluso: ''Mi posso dimettere e vi sfido a dimettervi, sciogliamo noi il Senato, inserite all'interno di questa legge la soppressione di ogni emolumento compreso quello del presidente del Consiglio. Noi non siamo degli straccioni, non viviamo di politica. Dietro di noi c'e' una professione, un decoro, una dignita' e non sara' uno sbarbatello a cui piace piacere che si mettera', con o senza altri nazareni, la democrazia di questa nazione sotto i piedi''. com-sgr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Errani lascia Pd: ora nuova avventura, ma ci ritroveremo
Sinistra
Lavoro, scuola, ambiente: abito classico per la sinistra ex Pd
Pd
Pd, Rosato: carte bollate? Emiliano si occupi di contenuti
Governo
Napolitano: equilibrio Gentiloni punto fermo da salvaguardare
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech