martedì 06 dicembre | 04:33
pubblicato il 24/lug/2014 11:50

Riforme: D'Anna (Gal), pronti a dimetterci

(ASCA) - Roma, 24 lug 2014 - ''Renzi mistifica il problema che non e' la salvaguardia delle prebende dovute ai senatori, ma quello della salvaguardia del diritto degli italiani a scegliere i parlamentari. Dimettiamoci e sciogliamo noi il Senato oppure abbia il coraggio 'madame Verdurin' di proporre la soppressione di ogni emolumento ai parlamentari, ivi compreso quello del presidente del Consiglio''. Cosi' il senatore Vincenzo D'Anna , vicepresidente del gruppo Grandi Autonomie e Liberta', intervenendo nell'Aula di Palazzo Madama per esprimere il voto contrario del Gal all'emendamento 1.1 presentato da Sel. ''Sono stato deputato per due anni e mezzo - ha aggiunto -, ho sentito i Franceschini, i Fassino, i Di Pietro invocare la liberta' e la democrazia contro il caimano, lo psiconano, il pericolo per la democrazia, impersonato da Silvio Berlusconi, all'epoca fonte di ogni sfacelo che era accaduto o poteva accadere. Ma, chiedo ai colleghi del Pd, avete subito una trasformazione genetica? Siete stati investiti da radiazioni? Siete una mutazione politica e biologica al tempo stesso di quelle persone? Voi assistete inermi a un tentativo, per mero scopo partitico, di sopprimere un elementare diritto che e' quello degli elettori di scegliersi deputati e senatori perche' questa volta vi conviene. Quelle mezze vestali della democrazia che ci ammonivano sui pericoli del berlusconismo che fine hanno fatto? Ovviamente volete approfittare di un popolo distratto, che ci ha schifato come classe politica. E a furia di mettere fango nel ventilatore per sbarrare la strada a Silvio Berlusconi avete delegittimato le istituzioni e la politica e oggi sfruttate quel rigetto verso la politica per turlupinare quella restante parte del popolo italiano che invoca la democrazia''. Quindi D'Anna ha concluso: ''Mi posso dimettere e vi sfido a dimettervi, sciogliamo noi il Senato, inserite all'interno di questa legge la soppressione di ogni emolumento compreso quello del presidente del Consiglio. Noi non siamo degli straccioni, non viviamo di politica. Dietro di noi c'e' una professione, un decoro, una dignita' e non sara' uno sbarbatello a cui piace piacere che si mettera', con o senza altri nazareni, la democrazia di questa nazione sotto i piedi''. com-sgr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Italicum a rischio, è già dibattito sulla nuova legge elettorale
Riforme
Dopo il voto Renzi dimissionario al Colle. Mattarella arbitro
Governo
M5S vuole il voto subito. Ma Di Maio premier non convince tutti
Governo
Stamattina colloquio informale Mattarella-Renzi al Quirinale
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari