venerdì 20 gennaio | 23:47
pubblicato il 24/lug/2014 11:50

Riforme: D'Anna (Gal), pronti a dimetterci

(ASCA) - Roma, 24 lug 2014 - ''Renzi mistifica il problema che non e' la salvaguardia delle prebende dovute ai senatori, ma quello della salvaguardia del diritto degli italiani a scegliere i parlamentari. Dimettiamoci e sciogliamo noi il Senato oppure abbia il coraggio 'madame Verdurin' di proporre la soppressione di ogni emolumento ai parlamentari, ivi compreso quello del presidente del Consiglio''. Cosi' il senatore Vincenzo D'Anna , vicepresidente del gruppo Grandi Autonomie e Liberta', intervenendo nell'Aula di Palazzo Madama per esprimere il voto contrario del Gal all'emendamento 1.1 presentato da Sel. ''Sono stato deputato per due anni e mezzo - ha aggiunto -, ho sentito i Franceschini, i Fassino, i Di Pietro invocare la liberta' e la democrazia contro il caimano, lo psiconano, il pericolo per la democrazia, impersonato da Silvio Berlusconi, all'epoca fonte di ogni sfacelo che era accaduto o poteva accadere. Ma, chiedo ai colleghi del Pd, avete subito una trasformazione genetica? Siete stati investiti da radiazioni? Siete una mutazione politica e biologica al tempo stesso di quelle persone? Voi assistete inermi a un tentativo, per mero scopo partitico, di sopprimere un elementare diritto che e' quello degli elettori di scegliersi deputati e senatori perche' questa volta vi conviene. Quelle mezze vestali della democrazia che ci ammonivano sui pericoli del berlusconismo che fine hanno fatto? Ovviamente volete approfittare di un popolo distratto, che ci ha schifato come classe politica. E a furia di mettere fango nel ventilatore per sbarrare la strada a Silvio Berlusconi avete delegittimato le istituzioni e la politica e oggi sfruttate quel rigetto verso la politica per turlupinare quella restante parte del popolo italiano che invoca la democrazia''. Quindi D'Anna ha concluso: ''Mi posso dimettere e vi sfido a dimettervi, sciogliamo noi il Senato, inserite all'interno di questa legge la soppressione di ogni emolumento compreso quello del presidente del Consiglio. Noi non siamo degli straccioni, non viviamo di politica. Dietro di noi c'e' una professione, un decoro, una dignita' e non sara' uno sbarbatello a cui piace piacere che si mettera', con o senza altri nazareni, la democrazia di questa nazione sotto i piedi''. com-sgr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Renzi al Nazareno incontra big del partito
Craxi
Berlusconi: mi manca Craxi, è stato vittima di un golpe
Terremoti
Terremoto, Finocchiaro: stanziati 30 milioni per l'emergenza
Maltempo
Rigopiano, Gentiloni: grazie a chi salva vite, forza e coraggio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4