sabato 03 dicembre | 20:55
pubblicato il 08/apr/2014 19:19

Riforme: consiglio Basilicata approva risoluzione su modifica Titolo V

Riforme: consiglio Basilicata approva risoluzione su modifica Titolo V

(ASCA) - Potenza, 8 apr 2014 - Il consiglio regionale della Basilicata, riunitosi in contemporanea con gli altri Consigli regionali il 2 aprile scorso per discutere della riforma del Titolo V della Costituzione al termine del dibattito, conclusosi oggi, ha approvato a maggioranza (con la sola astensione del M5s) un documento proposto da tutti i capigruppo, tranne quello del Movimento 5 stelle, con il quale ''si' da' mandato al Presidente della Giunta, perche' si faccia portavoce con i vertici istituzionali dello Stato di quanto emerso nel corso del Consiglio regionale della Basilicata dedicato al tema delle riforme costituzionali, in particolare in relazione alla materia ambientale, determinante in questa regione e contenuta nel DDL di riforma del Titolo V''. ''Un dibattito intenso e ricco di spunti - si legge nel documento - dal quale e' emersa una complessiva condivisione sulla necessita' di una riforma che tenga in debita considerazione le posizioni emerse. Il Consiglio regionale ritiene che la riforma costituzionale non puo' prescindere da una revisione profonda del Titolo V della Costituzione che definisca, una volta per tutte, le competenze precise dei vari organi dello Stato, senza dannose sovrapposizioni, per offrire nuove opportunita' di sviluppo e di investimento in un quadro definito di fabbisogni, costi standard e strumenti di perequazione; ritiene, quanto alla proposta di riforma del Senato, che essa debba essere organica ad un assetto istituzionale che tenga conto delle esigenze di maggiore efficienza, di maggiore governabilita' e anche delle istanze di riduzione dei costi della politica; ritiene, inoltre, necessario il rafforzamento della cooperazione interregionale mantenendo invariati i confini amministrativi; ritiene necessario, nell'ipotesi in cui la materia energetica sia attribuita allo Stato, che l'attivita' estrattiva non risponda a meri automatismi, bensi' a un nuovo negoziato che definisca parametri di sostenibilita' ambientale, sanitaria, sociale ed economica, previa discussione in Consiglio regionale; ritiene altresi', sulla scorta della consolidata giurisprudenza in tema di individuazione delle materie di competenza dei diversi livelli di governo, di mantenere tra quelle concorrenti l'ambiente ed il governo del territorio''.

com-stt/mau/rob

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, Renzi: brogli? Siamo seri, polemiche stanno a zero
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari