martedì 21 febbraio | 19:57
pubblicato il 01/ago/2014 10:39

Riforme: clima incandescente al Senato, stretta di Grasso dopo incidenti

(ASCA) - Roma, 1 ago 2014 - Si preannuncia ancora rovente il clima nell'Aula del Senato, alla quinta giornata dell'esame del ddl riforme. In apertura di seduta il presidente Pietro Grasso ha censurato il comportamento dei senatori della Lega annunciando un'istruttoria nei loro confronti, dopo i tumulti durante la seduta di ieri sera. Nel corso della bagarre notturna, che ha richiesto l'intervento dei questori e degli assistenti d'aula, due senatori, Laura Bianconi del Ncd e Nunziante Consilio della Lega Nord hanno subito contusioni che hanno richiesto accertamenti medici. Grasso, che ha previsto le piu' gravi sanzioni previste dal regolamento per i senatori responsabili, ha assunto questa mattina un comportamento estremamente rigorso nei confronti di tutti i parlamentari che non si attengono strettamente al regolamento, con il chiaro intento di evitare altri disordini e perdite di tempo, ricordando che il suo operato sara' giudicato dagli accadimenti in Assemblea. Sgr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Ultime ore per arginare la scissione nel Pd, occhi su Emiliano
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Pd
Guerini: scissione Pd? Credo nei miracoli. Ci stiamo lavorando
Pd
Pd nomina commissione congresso, Emiliano si candida a primarie
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia