sabato 03 dicembre | 14:35
pubblicato il 08/lug/2014 13:43

Riforme: Cicchitto, su Senato e legge elettorale Ncd ha le mani libere

(ASCA) - Roma, 8 lug 2014 - ''Le riforme che mettono a tacere la Bundesbank e i rigoristi di tutte le nazionalita' sono: la riforma del mercato del lavoro con particolare riferimento all'art.18, la restituzione alle imprese dei debiti della Pa, riforme fiscali che intervengono in primis sui costi delle imprese, la riforma della giustizia, la definizione della legge di stabilita', la liquidazione in questo quadro di una parte almeno dei costi derivanti dalle partecipate degli enti regionali e locali e un organico progetto di spending review e di redifinizione dei costi standard per cio' che riguarda le regioni. Cio' richiede autentiche scelte fra conservatori e riformisti:una parte cospicua dei conservatori sta nel PD.

NCD deve dunque dar voce alla posizione innovativa e riformista''. E' quanto afferma Fabrizio Cicchitto del Ncd.

''Sulle riforme istituzionali - del Senato e legge elettorale - una di esse, quella dell'eliminazione reale del bicameralismo, ha attinenza con cio' di cui parliamo perche' fa davvero diminuire costi e tempi - aggiunge -. Ovviamente la formula di questo cambiamento risponde ad una logica istituzionale su cui NCD e' impegnato a trovare soluzioni condivise''. ''Invece all'Europa e alle forze produttive - prosegue Cicchitto - di alcuni aspetti della legge elettorale non interessa nulla: e' del tutto mistificatorio invocare la Ue per alcuni aspetti dell'Italicum quali preferenze, sbarramento per andare al ballottaggio, soglie, i poteri di una legge fondata su due turni. Al primo turno si presentan liberamente tutte le forze politiche che poi si coalizzano al secondo: e' bene che si svolga in Parlamento un libero dibattito, perche' l'Europa e le giuste questioni poste a quel livello da Renzi non c'entrano; e se vengono invocate , e' solo per evitare che si apra un confronto senza ipoteche surrettizie''. ''Di conseguenza - conclude Cicchitto - sul cambiamento di merito del Senato e ancor di piu' sulla nuova legge elettorale evidentemente il Ncd ha le mani libere''.

com-njb

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Riforme
Referendum, Renzi: con Mattarella italiani sono in ottime mani
Riforme
Referendum, Grillo: se perdiamo contro il mondo va bene lo stesso
Riforme
Referendum, Berlusconi: con voto a matita possibili i brogli
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari