martedì 17 gennaio | 03:58
pubblicato il 03/apr/2014 13:47

Riforme: Chiti e 20 senatori Pd, Senato elettivo non e' controriforma

Riforme: Chiti e 20 senatori Pd, Senato elettivo non e' controriforma

(ASCA) - Roma, 3 apr 2014 - ''Non e' una controriforma, perche' noi spingiamo per il rinnovamento, ma una riforma che affronta il problema molto grosso del bilanciamento dei poteri. Ogni parlamentare ha un vincolo di lealta' verso il suo partito ma anche verso i cittadini. Renzi ha posto 4 paletti per la riforma del Senato. Noi condividiamo appieno 3 di questi, anzi, li superiamo, ma per il terzo poniamo una questione. La sovranita' dei cittadini va garantita. Non imponiamo nulla, tenteremo di convincere della bonta' delle nostre ragioni. Da oggi si discute''. Cosi' il senatore Pd, Vannino Chiti presenta in una conferenza stampa il testo del ddl per la riforma del Senato depositato oggi a Palazzo Madama che introduce l'elezione diretta dei 106 senatori previsti, con un sistema proporzionale, che escluda ogni rappresentante delle autonomie locali ''perche' e' impensabile poter far bene due mestieri per volta''. Il ddl e' sottoscritto al momento da altri 20 senatori del Pd oltre a Chiti, a cui se ne aggiungono al momento 3 di diversi gruppi (due della maggioranza e uno dell'opposizione) ma che e' aperto da oggi all'adesione di chiunque intenda farlo. Una proposta, quella di Chiti, che solleva inevitabilmente il profilo della contrapposizione interna al Pd con la linea Renzi, contrapposizione ma che lo stesso Chiti, insieme agli altri firmatari del progetto, al momento smorza. Il premier, sottolinea Massimo Mucchetti, ''non e il verbo e noi non siamo gli infedeli''. ''Fino a prova contraria siamo ancora senza vincolo di mandato'' rincara Corradino Mineo, che ricorda a chi gli chiede come si reagirebbe davanti a un ultimatum di Renzi che ''non si puo' porre la fiducia su un ddl costituzionale''. La via, riporta invece a piu' miti consiglio Chiti, ''e' quella del confronto''. ''Nel dibattito.In commissione - concorda Mineo - potremmo anche presentare emendamenti a un testo di base o diverso, ma potrebbe sembrare ci si voglia mettere di traverso. Noi non vogliamo mettere i bastoni tra le ruote, ma discutere''. Il pericolo, paventa Chiti, ''e' che se si andasse a referendum confermativo da parte dei cittadini, siamo sicuri che tutta la riforma non andrebbe a monte su un punto come questo che poniamo?''. njb

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Bersani: Renzi non ha capito lezione, così si sbatte di nuovo
Conti pubblici
Conti pubblici, blog Grillo: Gentiloni e Padoan si dimettano
Centrodestra
Salvini: se Berlusconi preferisce Renzi, meglio soli al voto
Conti pubblici
Ue sollecita manovra correttiva. Gentiloni vede Padoan
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
L'Italia difende Fca dalle accuse tedesche: le sue auto sono in regola
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, ripartono lavori prolungamento M1 fino a Monza Cinisello