martedì 06 dicembre | 19:29
pubblicato il 01/apr/2014 18:22

Riforme: Chiti, ddl senatori Pd per accettare sfida governo

(ASCA) - Roma, 1 apr 2014 - ''Per accettare e onorare la sfida sulle riforme istituzionali che il governo ha lanciato, insieme a un gruppo di senatori democratici abbiamo elaborato e presenteremo nelle prossime ore un nostro Disegno di Legge Costituzionale''. Lo afferma in una nota il senatore del Pd Vannino Chiti. ''Il testo - prosegue Chiti - prevede il dimezzamento del numero dei parlamentari della Camera e del Senato, l'attribuzione alla sola Camera del voto di fiducia e dell'approvazione della legge di bilancio, l'attribuzione, invece, anche al Senato dell'esame e del voto delle leggi costituzionali, elettorali, dei trattati europei e dei provvedimenti che investano diritti fondamentali della persona. La Camera sara' composta da 315 deputati, la meta' degli attuali 630; il Senato da 100 eletti nelle Regioni (contestualmente al voto per i Consigli regionali) piu' 6 in rappresentanza degli italiani all'estero. Meno della meta' degli attuali 315. Voglio sottolineare come tale proposta preveda una riduzione dei costi della politica ben superiore a quella prevista dal disegno del Governo. Come ripete, a giusto titolo, il presidente del Consiglio, e' l'Italia che chiede ai suoi rappresentanti di tagliare, per primi, le spese. In secondo luogo, il nostro disegno si fa carico dell'esigenza primaria della governabilita' concentrando in una sola Camera tutte le scelte, per cosi' dire, politiche''.

''Mentre resta la doppia lettura di Camera e Senato per i provvedimenti che investano muri portanti della nostra convivenza democratica. Diritti del cittadino, leggi costituzionali ed elettorali, trattati, materia che e' ragionevole sottrarre alla 'dittatura della maggioranza' e alla disponibilita' di un 'governo di legislatura', come quello che risulterebbe da elezioni con la legge elettorale approvata in prima lettura a Montecitorio. Anche il ruolo di sintesi, o di camera di compensazione tra le autonomie e lo Stato centrale, puo' essere svolto meglio da un'assemblea eletta su base regionale, piuttosto che da un certo numero di consiglieri regionali e sindaci, chiamati a Roma qualche giorno al mese e costretti per questo ad abbandonare la loro principale funzione di amministratori'', prosegue il senatore Pd.

In conclusione, secondo Chiti, ''non puo' sfuggire che un Senato confortato dal voto popolare diretto, su base proporzionale e in collegi ampi che favoriranno la scelta di personalita' eminenti, avra' maggior titolo sia a sostenere le ragioni delle autonomie sia a fare da contraltare del governo e della maggioranza sui temi fondanti della convivenza repubblicana. Un Senato delle autonomie ma anche un Senato delle Garanzie''. com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Renzi vuole dalla direzione l'ok del Pd a elezioni anticipate
Governo
Alfano: pronostico elezioni anticipate a febbraio
Governo
M5S vuole il voto subito. Ma Di Maio premier non convince tutti
Governo
Udc esce da Ap di Alfano: nuovi gruppi contro voto anticipato
Altre sezioni
Salute e Benessere
Airc finanzia ricerca per migliorare diagnosi noduli alla tiroide
Enogastronomia
Veronafiere,Danese:con Vinitaly salto qualità nei paesi asiatici
Turismo
Ponte Immacolata, per un italiano su due hotel è luogo dolce vita
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
I supermercati del futuro di Amazon: niente casse e code
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni