giovedì 19 gennaio | 08:14
pubblicato il 01/apr/2014 18:22

Riforme: Chiti, ddl senatori Pd per accettare sfida governo

(ASCA) - Roma, 1 apr 2014 - ''Per accettare e onorare la sfida sulle riforme istituzionali che il governo ha lanciato, insieme a un gruppo di senatori democratici abbiamo elaborato e presenteremo nelle prossime ore un nostro Disegno di Legge Costituzionale''. Lo afferma in una nota il senatore del Pd Vannino Chiti. ''Il testo - prosegue Chiti - prevede il dimezzamento del numero dei parlamentari della Camera e del Senato, l'attribuzione alla sola Camera del voto di fiducia e dell'approvazione della legge di bilancio, l'attribuzione, invece, anche al Senato dell'esame e del voto delle leggi costituzionali, elettorali, dei trattati europei e dei provvedimenti che investano diritti fondamentali della persona. La Camera sara' composta da 315 deputati, la meta' degli attuali 630; il Senato da 100 eletti nelle Regioni (contestualmente al voto per i Consigli regionali) piu' 6 in rappresentanza degli italiani all'estero. Meno della meta' degli attuali 315. Voglio sottolineare come tale proposta preveda una riduzione dei costi della politica ben superiore a quella prevista dal disegno del Governo. Come ripete, a giusto titolo, il presidente del Consiglio, e' l'Italia che chiede ai suoi rappresentanti di tagliare, per primi, le spese. In secondo luogo, il nostro disegno si fa carico dell'esigenza primaria della governabilita' concentrando in una sola Camera tutte le scelte, per cosi' dire, politiche''.

''Mentre resta la doppia lettura di Camera e Senato per i provvedimenti che investano muri portanti della nostra convivenza democratica. Diritti del cittadino, leggi costituzionali ed elettorali, trattati, materia che e' ragionevole sottrarre alla 'dittatura della maggioranza' e alla disponibilita' di un 'governo di legislatura', come quello che risulterebbe da elezioni con la legge elettorale approvata in prima lettura a Montecitorio. Anche il ruolo di sintesi, o di camera di compensazione tra le autonomie e lo Stato centrale, puo' essere svolto meglio da un'assemblea eletta su base regionale, piuttosto che da un certo numero di consiglieri regionali e sindaci, chiamati a Roma qualche giorno al mese e costretti per questo ad abbandonare la loro principale funzione di amministratori'', prosegue il senatore Pd.

In conclusione, secondo Chiti, ''non puo' sfuggire che un Senato confortato dal voto popolare diretto, su base proporzionale e in collegi ampi che favoriranno la scelta di personalita' eminenti, avra' maggior titolo sia a sostenere le ragioni delle autonomie sia a fare da contraltare del governo e della maggioranza sui temi fondanti della convivenza repubblicana. Un Senato delle autonomie ma anche un Senato delle Garanzie''. com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Renzi si mette in viaggio in pullman: ripartiamo girando l'Italia
Fca
Fca,Gentiloni a Merkel: omologazione spetta a autorità italiane
Brexit
Brexit,Gentiloni:May fa chiarezza, Ue pronta a discutere con Gb
Terremoti
Terremoto, Boschi segue situazione. In contatto con Curcio e Errani
Altre sezioni
Salute e Benessere
"Guarda che bello", quando gli occhi dei bimbi si curano con gioia
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
"L'Ara com'era", il racconto dell'Ara Pacis diventa più immersivo
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Gb, arrivato a Londra primo treno merci proveniente dalla Cina