martedì 21 febbraio | 11:20
pubblicato il 30/mag/2014 14:49

Riforme: Chiti, approvarle presto senza snaturare equilibri Costituzione

Riforme: Chiti, approvarle presto senza snaturare equilibri Costituzione

(ASCA) - Roma, 30 mag 2014 - ''Dopo la vittoria di Renzi e del Pd alle europee il cammino delle riforme puo' essere piu' spedito ed e' giusto porsi l'obiettivo di approvare il Ddl costituzionale entro giugno in prima lettura e definitivamente entro l'anno. Gli Italiani dovranno in ogni caso essere chiamati a esprimersi con un referendum''. Lo afferma il senatore del Pd Vannino Chiti.

''Ci sembra ormai acquisito - aggiunge - che una sola Camera voti la fiducia al governo, le leggi di bilancio e l'insieme dei provvedimenti ordinari. Il sistema bicamerale paritario deve restare per le modifiche alla Costituzione, le leggi elettorali, gli ordinamenti europei, i diritti civili e politici fondamentali. Si sta affermando la convinzione di ridurre i deputati, oltre che i senatori: darebbe loro maggiore autorevolezza e indipendenza''. ''Sta anche avanzando la condivisione su un'elezione diretta dei senatori in concomitanza con i consigli regionali, come noi stessi abbiamo sostenuto - prosegue Chiti -. Un Senato cosi' eletto sara' piu' autorevole, potra' meglio rappresentare le autonomie e al tempo stesso svolgere una funzione di contrappeso e garanzia sulle grandi questioni che non possono essere ridotte a materia esclusiva di una maggioranza alla Camera.

Il nostro insistere su questo punto non e' frutto di testardaggine o di vicende interne ai partiti: il cuore del problema e' il diritto dei cittadini a scegliere i propri rappresentanti nelle istituzioni''. ''Voler importare altri sistemi, quello francese o quello tedesco - addirittura facendo un mix confuso tra i due - senza oltretutto tener conto delle diverse leggi elettorali con cui in quei paesi si elegge la camera 'politica', e dei differenti sistemi di rapporto Stato-Regioni-Comuni, non realizzerebbe una buona riforma. Il Ddl che avevamo presentato rispondeva alla necessita' di indicare una proposta coerente di cambiamento costituzionale, senza tatticismi o ipocrisie. Su questa base hanno un fondamento gli emendamenti che abbiamo presentato, in gran parte condivisi dai senatori di Sel e dagli ex appartenenti al gruppo M5S. Sono parlamentari che hanno altrettanta titolarita' nel partecipare alla scrittura delle riforme e che e' importante coinvolgere, uscendo dall'esclusivita' di un patto con Verdini''. ''Notiamo infine come in altri settori, da Forza Italia alla Lega, dal M5S al Ncd e ai Popolari per l'Italia, si stia manifestando un interesse nei confronti delle proposte che stiamo sostenendo. Il nostro impegno - conclude Chiti - e' quello di realizzare le riforme entro il 2014, ma approvando buone riforme, che aggiornino la nostra Costituzione senza snaturarne gli equilibri''. com-njb/sam/bra

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
M5s
Vertici M5s a Roma, possibile incontro Grillo-Raggi in Campidoglio
Pd
Enrico Letta: Pd non può finire così, attonito da cupio dissolvi
Pd
Ultime ore per arginare la scissione nel Pd, occhi su Emiliano
Pd
Pd, Rossi: nasceranno nuovi gruppi parlamentari pro governo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia