martedì 06 dicembre | 13:26
pubblicato il 06/giu/2013 15:34

Riforme: Cdm, ok a ddl costituzionale, ecco i punti chiave

(ASCA) - Roma, 6 giu - Il Consiglio dei ministri ha approvato un disegno di legge che stabilisce una normativa accelerata per la disciplina del procedimento di revisione costituzionale.

- Il Comitato. Il Comitato - si legge nel comunicato di Palazzo Chigi diffuso al termine del Cdm - e' composto da venti senatori e venti deputati nominati dai presidente delle Camere e scelti tra i membri delle commissioni permanenti per gli Affari Costituzionali rispettivamente del Senato e della Camera. Ne faranno parte di diritto i presidenti delle predette Commissioni. La nomina dei componenti del Comitato avverra' su designazione dei Gruppi parlamentari delle due Camere seguendo i seguenti criteri: a) in base alla consistenza numerica dei Gruppi; b) in base al numero di voti conseguiti dalle liste e dalle coalizioni di liste ad essi riconducibili; c) assicurando almeno un rappresentante per ogni Gruppo e un rappresentante delle minoranze linguistiche.

- Le competenze del Comitato. Il Comitato dovra' esaminare i progetti di revisione dei Titoli I, II, III e V della parte Seconda della Costituzione che riguardano le materie della forma di Stato, della forma di Governo e del bicameralismo.

Saranno i presidenti di Senato e Camera ad assegnare al Comitato i disegni e le proposte di legge perche' vengano esaminati in sede referente. Una volta completato l'esame della proposta di legge, il Comitato trasmettera' ai Presidenti delle Camere i progetti di legge costituzionale, corredati di relazioni illustrative e di eventuali relazioni di minoranza. Per la votazione dei testi nelle assemblee si osserveranno le norme dei rispettivi regolamenti.

- La tempistica. I lavori parlamentari sulle riforme costituzionali sono organizzati in un periodo massimo di 18 mesi: l'approvazione da parte del Parlamento del presente disegno di legge puo' essere prevista per fine ottobre 2013, quando la Commissione degli esperti avra' gia' terminato di lavorare e fornito le proprie conclusioni al governo. Il comitato parlamentare lavorera' fino alla fine di febbraio 2014. Per la fine di maggio e' possibile prevedere la prima lettura di una Camera; per gli inizi di settembre la prima lettura dell'altra Camera. Per la fine di ottobre 2014 la seconda deliberazione e l'approvazione finale della riforma, salvo l'eventuale svolgimento del referendum confermativo che il governo ritiene comunque opportuno che venga svolto.

- Il Referendum. La legge o e leggi costituzionali approvate saranno sottoposte a referendum solo se, entro tre mesi dalla loro pubblicazione, ne faranno richiesta un quinto dei membri di una Camera o 500 mila elettori o Cinque consigli regionali, anche qualora siano state approvate nella seconda votazione a maggioranza dei due terzi dei componenti di ciascuna Camera.

com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
M5S vuole il voto subito. Ma Di Maio premier non convince tutti
Governo
Alfano: pronostico elezioni anticipate a febbraio
Governo
Capigruppo Fi: impraticabile congelare crisi governo Renzi
Governo
Mattarella congela Renzi e attende Pd, crisi dopo la manovra
Altre sezioni
Salute e Benessere
Airc finanzia ricerca per migliorare diagnosi noduli alla tiroide
Enogastronomia
Mantegna contro Margherita: la pizza cambia nome e si veste d'arte
Turismo
Ponte Immacolata, per un italiano su due hotel è luogo dolce vita
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Luci di Natale: come smaltire quelle vecchie e tutelare l'ambiente
Scienza e Innovazione
Pakistan, sta morendo avvelenato il più grande lago del paese
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni