domenica 19 febbraio | 18:20
pubblicato il 17/mar/2014 16:58

Riforme: Cattaneo, competenze vere a Senato delle Autonomie

(ASCA) - Roma, 17 mar 2014 - ''Siamo tutti molto favorevoli alle riforme costituzionali e al superamento del bicameralismo perfetto, ma deve trattarsi di una riforma utile e migliorativa della situazione attuale, non di una riforma qualsiasi. Bene che il governo Renzi abbia fornito una proposta, ma ci sono molti aspetti che non ci piacciono e per i quali e' necessario un intervento migliorativo''. Lo ha affermato il Presidente del Consiglio regionale della Lombardia Raffaele Cattaneo durante la conferenza stampa a Roma in cui, insieme al Coordinatore della Conferenza Eros Brega e a numerosi altri presidenti di Consigli regionali, e' stata presentata la proposta unitaria delle Assemblee Legislative italiane sul tema delle riforme costituzionali.

''L'Assemblea delle Autonomie cosi' com'e' prefigurata nel ddl di riforma costituzionale del governo -ha sottolineato Cattaneo- non ha vere competenze, se non quella, una volta ogni 7 anni, di partecipare all'elezione del Presidente della Repubblica. Il resto sono pareri deboli, con potere quasi nullo. Una Camera con un compito ogni 7 anni rischia di essere del tutto inutile: un altro Cnel che dovremo chiudere presto. I Presidenti dei Consigli regionali propongono, invece, un Senato delle Regioni e delle Autonomie con competenze vere e con membri in parte di diritto e in parte espressione dei territori in relazione alla popolazione''.

''Inoltre -ha aggiunto il Presidente del Consiglio regionale della Lombardia- , diciamo no ad una riforma incentrata su un neo centralismo di ritorno, che toglie alle Regioni qualunque voce in capitolo su temi cruciali come la finanza pubblica e l'organizzazione degli enti locali e che introduce una clausola di supremazia statale, vero grimaldello per sovrastare ogni competenza regionale. Non sara' certo dando piu' potere ai ministeri e alle burocrazie statali che risolveremo i problemi del Paese. L'eliminazione delle materie concorrenti e l'aumento eccessivo di competenze esclusive dello Stato, invece, vanno purtroppo in questa direzione. Anche sull'organizzazione dei livelli intermedi di governo siamo disposti a discutere su tutto, incluso rivedere il numero e l'assetto attuale delle regioni e degli enti locali, ma non sono condivisibili mutilazioni istituzionali.

Ad esempio, non si puo' cancellare le Province senza lasciare alle singole Regioni la facolta' di decidere come organizzare al proprio interno l'assetto dei poteri locali. Altrimenti significa non comprendere che Lombardia e Molise hanno esigenze oggettivamente diverse. Solo attraverso una ridefinizione chiara delle competenze e una revisione attenta alle esigenze dei singoli territori sara' possibile avviare un reale e serio percorso di federalismo solidale e responsabile'' ha concluso il presidente Raffaele Cattaneo.

rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, ultima trattativa con Emiliano su primarie dopo comunali
Pd
Cuperlo a Renzi: scendi da auto, non fare 'Gioventù bruciata'
Pd
Renzi si dimette da segretario Pd, ora candidature o congresso
Sinistra
Scotto lascia Si: non serve partito ma nuovo centrosinistra
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia