martedì 17 gennaio | 08:23
pubblicato il 08/ago/2014 10:32

Riforme: Casini, rischiamo Senato corporativo. Era meglio toglierlo

(ASCA) - Roma, 8 ago 2014 - ''Non mi sarei scandalizzato a levarlo del tutto'', il Senato. ''Ma se gia' cosi' criticano il despota Renzi, sarebbe venuta giu' l'Italia. In realta' il Senato nasconde un'insidia di cui si parla poco, cioe' il rischio che si crei una camera corporativa a tutela delle autonomie locali, che non sempre le meritano. Cioe' il Senato finisce per essere un freno, che si sostituisce alla conferenza Stato-Regione, grazie anche alla Lega Nord.

Si'...levarlo poteva essere meglio''. Lo ha affermato il leader dell'Udc Pier Ferdinando Casini in un'intervista a L'Espresso.

red-fdv

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Bersani: Renzi non ha capito lezione, così si sbatte di nuovo
Conti pubblici
Conti pubblici, blog Grillo: Gentiloni e Padoan si dimettano
Centrodestra
Salvini: se Berlusconi preferisce Renzi, meglio soli al voto
Conti pubblici
Ue sollecita manovra correttiva. Gentiloni vede Padoan
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
L'Italia difende Fca dalle accuse tedesche: le sue auto sono in regola
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, ripartono lavori prolungamento M1 fino a Monza Cinisello