lunedì 27 febbraio | 11:26
pubblicato il 14/lug/2014 12:29

Riforme: Calderoli, elezione Senato primo o secondo grado ma no listini

+++''Nessun accordo politico o convenienze personali o giudiziarie possono mettere a rischio meccanismo democratico''+++.

.

(ASCA) - Roma, 14 lug 2014 - ''Non mi opporro' all'elezione di secondo grado dei senatori, a condizione pero' che l'elemento elettivo ci sia veramente e non si proceda con le nomine, come con un atto impuro si e' tentato di inserire nella riforma'' quando sono stato trattenuto a Milano per un incidente. Lo ha detto il co-relatore al ddl sulle riforme, Roberto Calderoli, interenendo in Aula in riferimento all'emendamento a firma Finocchiaro presentato in commissione Affari costituzionali, anche alla luce delle richieste di Fi.

''Nessun accordo politico o nessuna convenienza personale o giudiziaria - ha aggiunto - puo' mettere a rischio il meccanismo democratico''.

njb

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Renzi: D'Alema non ha mai digerito rospo, scissione Pd colpa sua
Dp
Rossi: noi fermeremo Grillo, alleanza con Pd se vince Orlando
Governo
Governo, Alfano: non va stroncato per vicenda interna al Pd
Governo
Renzi: elezioni nel 2018, deciderà Gentiloni se votare prima
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech