sabato 03 dicembre | 19:35
pubblicato il 14/lug/2014 12:29

Riforme: Calderoli, elezione Senato primo o secondo grado ma no listini

+++''Nessun accordo politico o convenienze personali o giudiziarie possono mettere a rischio meccanismo democratico''+++.

.

(ASCA) - Roma, 14 lug 2014 - ''Non mi opporro' all'elezione di secondo grado dei senatori, a condizione pero' che l'elemento elettivo ci sia veramente e non si proceda con le nomine, come con un atto impuro si e' tentato di inserire nella riforma'' quando sono stato trattenuto a Milano per un incidente. Lo ha detto il co-relatore al ddl sulle riforme, Roberto Calderoli, interenendo in Aula in riferimento all'emendamento a firma Finocchiaro presentato in commissione Affari costituzionali, anche alla luce delle richieste di Fi.

''Nessun accordo politico o nessuna convenienza personale o giudiziaria - ha aggiunto - puo' mettere a rischio il meccanismo democratico''.

njb

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Riforme
Referendum, Grillo: se perdiamo contro il mondo va bene lo stesso
Riforme
Referendum, Grillo: Paese spaccato, vincere o perdere è uguale
Riforme
Referendum, Appendino: se vince Sì non farò la senatrice
Altre sezioni
Salute e Benessere
Disturbi del sonno? 10 regole ambientali per dormire meglio
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari