mercoledì 22 febbraio | 03:42
pubblicato il 13/mag/2014 10:48

Riforme: Brunetta, senza Forza Italia Renzi non va da nessuna parte

Riforme: Brunetta, senza Forza Italia Renzi non va da nessuna parte

(ASCA) - Roma, 13 mag 2014 - ''C'e' proprio da sorridere ripensando alle invettive rivolte a Berlusconi, accusato di essere un imbonitore delle masse e un venditore di fumo.

Renzi da questo punto di vista e' impareggiabile. Aveva promesso la riforma elettorale entro il 25 maggio (una data a caso), e il progetto (se cosi' puo' chiamarsi) giace su un binario morto al Senato. Aveva replicato all'iniziativa presidenzialista del presidente Berlusconi dicendo che si sarebbe fatta dopo la riforma del Senato e il governo in Commissione, per bocca della ministra Boschi, ha dato invece parere contrario a questa soluzione''. Cosi' Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati, in un intervento su ''Il Foglio''. ''Il presidente del Consiglio si vanta di aver stracciato gli oppositori del cambiamento e aver incassato una prima approvazione della riforma costituzionale in Commissione, mentre la verita' e' che dalla Commissione e' uscito un voto indecifrabile e contraddittorio. Minimizzare quanto accaduto in Commissione Affari costituzionali del Senato non e' furbizia politica: e' incosciente autolesionismo. Cosi' Renzi va a sbattere e l'Italia con lui. La verita', a voler essere generosi, e' che dalla Commissione non e' uscito nulla, o meglio tutto e il suo contrario; Renzi sulle riforme, senza Forza Italia, non va da nessuna parte e, nel merito, il quadro riformatore che viene fuori da questi goffi tentativi e', come ha ricordato il presidente Berlusconi sul ''Corriere della Sera', con linguaggio piu' elegante del mio, una mappazza indigeribile'', aggiunge Brunetta. ''Non ci porta da nessuna parte questo riformismo random, erratico, ''a trazione periferica', privo di una strategia di insieme e che, come ha ricordato persino Scalfari, trascura di considerare il dosaggio di pesi e contrappesi che solo una riforma complessiva della parte II, magari con una Costituente, potrebbe realizzare. E passiamo all'altra nota dolente: l'Italicum. Come puo' una forza politica che vuole dirsi ''riformatrice' affrontare il tema della legge elettorale in questo modo? Con un sistema elettorale vigente incostituzionale, e una proposta di legge approvata da un ramo del Parlamento ma insabbiata al Senato, ostaggio di un fuoco incrociato tra piccoli partiti e correnti del Partito democratico che compongono la pasticciata maggioranza di governo?. Allora la domanda e': Renzi c'e' o ci fa? Perche' se c'e' bisogna preoccuparsi per l'Italia e cercare di correre ai ripari il prima possibile. Se ci fa, bisogna che si renda conto che cosi' ne' lui, ne' l'Italia va da nessuna parte. Se le riforme le vogliamo fare davvero (come Berlusconi fece nel 2005), e non vendere fumo agli Italiani, c'e' bisogno di mettere da parte la doppiezza, smetterla con vizi privati e pubbliche virtu', e sottoscrivere un patto vero in cui, tra avversari, ci si riconosce come attori di pari dignita' nel riscrivere una parte importante della nostra Carta'', conclude Brunetta. com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nomina commissione congresso, Emiliano si candida a primarie
Consip
Di Maio: Renzi vuoti il sacco su donazione da Alfredo Romeo
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Pd
Pd, Emiliano: non faccio a Renzi il favore della scissione
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia