sabato 10 dicembre | 22:17
pubblicato il 03/apr/2014 18:59

Riforme: Brunetta, governo nel caos. Boschi cambia idea di continuo

(ASCA) - Roma, 3 apr 2014 - ''Non tranquillizzano le dichiarazioni del ministro per le Riforme, Maria Elena Boschi, che sembra cambiar idea un giorno si' e l'altro pure''. Lo scrive in una nota il capogruppo alla Camera di Forza Italia, Renato Brunetta. ''Dapprima Matteo Renzi, in veste di segretario del Partito democratico, si era accordato, nell'ormai famoso incontro del Nazareno del 18 gennaio, con il presidente Silvio Berlusconi per una riforma elettorale da approvare al piu' presto possibile e per un pacchetto di riforme costituzionali (riforma del Senato e riforma del Titolo V) da avviare in contemporanea'', scrive Brunetta, il quale prosegue: ''Una volta diventato presidente del Consiglio, il giovane Renzi, riesce a condurre in porto, non senza incidenti e patemi d'animo, l'approvazione dell'Italicum alla Camera dei deputati, con i voti determinanti di Forza Italia, era il 12 marzo. Da allora la legge elettorale e' insabbiata, inerte, al Senato. A questo punto inizia il balletto della calendarizzazione dei provvedimenti a Palazzo Madama. Prima riforma elettorale e poi quella del Senato. Poi entrambe le riforme, contemporaneamente. Infine prima riforma del Senato e poi Italicum''. ''In questo scenario di assoluta confusione - afferma l'ex-ministro - non tranquillizzano le dichiarazioni del ministro per le Riforme, Maria Elena Boschi, che sembra cambiar idea un giorno si' e l'altro pure: 15 marzo, 'L'importante e' che arriviamo entro le elezioni europee del 25 maggio sia all'approvazione della legge elettorale sia della riforma, in prima lettura, del Senato'; 31 marzo, 'Prima faremo la riforma del Senato e poi quella della legge elettorale'; 1 aprile, 'Per quanto riguarda le indicazioni del governo, viene prima la legge elettorale, ma sappiamo che sara' la capigruppo del Senato a decidere il calendario dei lavori'; 3 aprile, 'Il calendario resta invariato: prima la riforma del Senato poi la legge elettorale'''. ''Ci sarebbe da ridere, se il tutto non fosse da piangere - conclude Brunetta -. Anche perche', a quanto risulta, il testo di questa fantomatica riforma del Senato, presentato in pompa magna nella conferenza stampa di lunedi' scorso a Palazzo Chigi, non e' ancora stato trasmesso dalle segrete stanze del governo agli uffici competenti della Camera alta.

Forse che domani la ministra Boschi cambiera' nuovamente idea? Francamente quanto sta accadendo non e' una cosa seria''. com-sgr/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Di Battista:risponderemo a colpi piazza a tentativo fermare M5s
Governo
Di Maio: no a Gentiloni o altro Avatar per salvare la banca Pd
Governo
Renzi al Pd esclude restare,Gentiloni tiene ma partita non chiusa
Governo
Speranza al Pd: indispensabile una scelta di discontinuità
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina