lunedì 20 febbraio | 17:29
pubblicato il 03/apr/2014 18:59

Riforme: Brunetta, governo nel caos. Boschi cambia idea di continuo

(ASCA) - Roma, 3 apr 2014 - ''Non tranquillizzano le dichiarazioni del ministro per le Riforme, Maria Elena Boschi, che sembra cambiar idea un giorno si' e l'altro pure''. Lo scrive in una nota il capogruppo alla Camera di Forza Italia, Renato Brunetta. ''Dapprima Matteo Renzi, in veste di segretario del Partito democratico, si era accordato, nell'ormai famoso incontro del Nazareno del 18 gennaio, con il presidente Silvio Berlusconi per una riforma elettorale da approvare al piu' presto possibile e per un pacchetto di riforme costituzionali (riforma del Senato e riforma del Titolo V) da avviare in contemporanea'', scrive Brunetta, il quale prosegue: ''Una volta diventato presidente del Consiglio, il giovane Renzi, riesce a condurre in porto, non senza incidenti e patemi d'animo, l'approvazione dell'Italicum alla Camera dei deputati, con i voti determinanti di Forza Italia, era il 12 marzo. Da allora la legge elettorale e' insabbiata, inerte, al Senato. A questo punto inizia il balletto della calendarizzazione dei provvedimenti a Palazzo Madama. Prima riforma elettorale e poi quella del Senato. Poi entrambe le riforme, contemporaneamente. Infine prima riforma del Senato e poi Italicum''. ''In questo scenario di assoluta confusione - afferma l'ex-ministro - non tranquillizzano le dichiarazioni del ministro per le Riforme, Maria Elena Boschi, che sembra cambiar idea un giorno si' e l'altro pure: 15 marzo, 'L'importante e' che arriviamo entro le elezioni europee del 25 maggio sia all'approvazione della legge elettorale sia della riforma, in prima lettura, del Senato'; 31 marzo, 'Prima faremo la riforma del Senato e poi quella della legge elettorale'; 1 aprile, 'Per quanto riguarda le indicazioni del governo, viene prima la legge elettorale, ma sappiamo che sara' la capigruppo del Senato a decidere il calendario dei lavori'; 3 aprile, 'Il calendario resta invariato: prima la riforma del Senato poi la legge elettorale'''. ''Ci sarebbe da ridere, se il tutto non fosse da piangere - conclude Brunetta -. Anche perche', a quanto risulta, il testo di questa fantomatica riforma del Senato, presentato in pompa magna nella conferenza stampa di lunedi' scorso a Palazzo Chigi, non e' ancora stato trasmesso dalle segrete stanze del governo agli uffici competenti della Camera alta.

Forse che domani la ministra Boschi cambiera' nuovamente idea? Francamente quanto sta accadendo non e' una cosa seria''. com-sgr/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
M5s
Vertici M5s a Roma, possibile incontro Grillo-Raggi in Campidoglio
Pd
Renzi apre congresso Pd, minoranza accusa: "Sceglie scissione"
Sinistra
Nasce Sinistra italiana: "Da D'Alema non col cappello in mano"
Pd
Termina assemblea Pd, Orfini: "Congresso formalmente indetto"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia