venerdì 24 febbraio | 06:48
pubblicato il 04/apr/2014 13:14

Riforme: Brega, Senato autonomie e' una priorita'

(ASCA) - Reggio Calabria, 4 apr 2014 - Senato delle autonomie? ''Una priorita' nel programma delle riforme istituzionali''. Parola di Eros Brega, coordinatore della Conferenza dei presidenti dei Consigli regionali, ''organismo che - di concerto con la Conferenza dei presidenti delle Giunte - ha presentato una proposta in materia''.

Nell'intervista rilasciata a Calabria on web (www.calabriaonweb.it), Brega sottolinea il ruolo che il Senato delle autonomie dovrebbe rivestire nella nuova architettura costituzionale: ''esercitando concretamente le funzioni di riequilibrio tra le competenze dello Stato e delle Regioni, anche allo scopo di superare il conflitto costituzionale che ha caratterizzato questi anni. Un aspetto sicuramente positivo - rilancia - e' quello del costo ''zero' che la nuova Camera avrebbe''.

In qualita' di coordinatore della Conferenza dei presidenti ritengo che - sottolinea Eros Brega, rispondendo alle domande di Luisa Lombardo - ''il Senato delle autonomie - oltre a partecipare all'approvazione, con procedimento bicamerale, delle leggi costituzionali e all'elezione del Presidente della Repubblica - dovra' poter legiferare anche su alcuni temi inerenti le politiche regionali. Come Conferenza, siamo d'accordo con l'impianto generale del Senato delle autonomie delineato dal Governo; condividiamo che non debba comportare costi e che debba essere rappresentativo di Comuni e Regioni; ma stiamo ancora discutendo sulle funzioni, proprio perche' crediamo che la nuova Camera debba essere la testimonianza di una democrazia piu' partecipata altrimenti verrebbe meno il principio di una effettiva partecipazione delle Assemblee al governo delle politiche''.

''Nel condividere la proposta avanzata in questi giorni sulla riforma del Senato'', il coordinatore ribadisce ''che la stessa deve assolutamente tener conto di: ruolo, funzioni ed equilibrata rappresentanza, indipendentemente dal numero dei componenti, di coloro che ne faranno parte, valorizzando le finalita' dell'attivita' legislativa alla quale si sara' chiamati. Sul ruolo e la rappresentanza non si possono escludere le Assemblee legislative. Questa riforma - conclude Brega - deve valorizzare e dare spazio a chi e' stato eletto direttamente dai cittadini. A tal fine, vogliamo incontrare Comuni e Regioni per arrivare ad un documento congiunto da sottoporre al Parlamento''.

red/res

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Sinistra
Scotto: nuova forza di sinistra con ex Pd, con noi 17 ex Si
Pd
Renzi: in California cerco idee anti-populisti
Aborto
Aborto, senatori Pd: ora legge per concorsi medici non obiettori
Ue
Mattarella:Ue ha valore irreversibile, da crisi uscirà più forte
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech