martedì 24 gennaio | 02:09
pubblicato il 04/apr/2014 13:14

Riforme: Brega, Senato autonomie e' una priorita'

(ASCA) - Reggio Calabria, 4 apr 2014 - Senato delle autonomie? ''Una priorita' nel programma delle riforme istituzionali''. Parola di Eros Brega, coordinatore della Conferenza dei presidenti dei Consigli regionali, ''organismo che - di concerto con la Conferenza dei presidenti delle Giunte - ha presentato una proposta in materia''.

Nell'intervista rilasciata a Calabria on web (www.calabriaonweb.it), Brega sottolinea il ruolo che il Senato delle autonomie dovrebbe rivestire nella nuova architettura costituzionale: ''esercitando concretamente le funzioni di riequilibrio tra le competenze dello Stato e delle Regioni, anche allo scopo di superare il conflitto costituzionale che ha caratterizzato questi anni. Un aspetto sicuramente positivo - rilancia - e' quello del costo ''zero' che la nuova Camera avrebbe''.

In qualita' di coordinatore della Conferenza dei presidenti ritengo che - sottolinea Eros Brega, rispondendo alle domande di Luisa Lombardo - ''il Senato delle autonomie - oltre a partecipare all'approvazione, con procedimento bicamerale, delle leggi costituzionali e all'elezione del Presidente della Repubblica - dovra' poter legiferare anche su alcuni temi inerenti le politiche regionali. Come Conferenza, siamo d'accordo con l'impianto generale del Senato delle autonomie delineato dal Governo; condividiamo che non debba comportare costi e che debba essere rappresentativo di Comuni e Regioni; ma stiamo ancora discutendo sulle funzioni, proprio perche' crediamo che la nuova Camera debba essere la testimonianza di una democrazia piu' partecipata altrimenti verrebbe meno il principio di una effettiva partecipazione delle Assemblee al governo delle politiche''.

''Nel condividere la proposta avanzata in questi giorni sulla riforma del Senato'', il coordinatore ribadisce ''che la stessa deve assolutamente tener conto di: ruolo, funzioni ed equilibrata rappresentanza, indipendentemente dal numero dei componenti, di coloro che ne faranno parte, valorizzando le finalita' dell'attivita' legislativa alla quale si sara' chiamati. Sul ruolo e la rappresentanza non si possono escludere le Assemblee legislative. Questa riforma - conclude Brega - deve valorizzare e dare spazio a chi e' stato eletto direttamente dai cittadini. A tal fine, vogliamo incontrare Comuni e Regioni per arrivare ad un documento congiunto da sottoporre al Parlamento''.

red/res

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nega tensione Renzi-Gentiloni su Agcom:non c'è inciucio con Fi
Conti pubblici
Berlusconi: nuova manovra? Rimasti conti da pagare di Renzi
M5s
Di Maio: né Salvini né Meloni, non facciamo alleanze
L.elettorale
Salvini: Consulta deve consentire di andare a elezioni a maggio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4