domenica 22 gennaio | 03:00
pubblicato il 21/mag/2016 12:01

Riforme, Boschi: oggi prevalga il Pd, tutti insieme per il "sì"

Sarà l'Italia a decidere con referendun ottobre, ma sono fiduciosa

Riforme, Boschi: oggi prevalga il Pd, tutti insieme per il "sì"

Roma, 21 mag. (askanews) - "Noi, tutti insieme, dobbiamo prenderci l'impegno di spiegare punto per punto perché l'Italia ha bisogno di questa riforma. Da oggi parte un viaggio affascinate fatto di partecipazione e coinvolgimento. Sarà bello stare nelle piazze, nelle scuole, nei mercati, nelle fabbriche a raccogliere le firme, ma anche a raccontare che futuro vogliamo scrivere per il nostro Paese. Lo faremo tutti insieme, fianco a fianco, come fianco a fianco abbiamo votato le riforme in Parlamento. Poi, dopo, al Congresso avremo modo di dividerci su posizioni diverse, ma oggi deve prevalere il Pd. Mai come stavolta per il futuro dell'Italia 'Basta un Sì'". Lo scrive la ministra delle Riforme, Maria Elena Boschi, su l'Unità in occasione dell'apertura della campagna di mobilitazione del partito per il referendum costituzionale.

"Ci siamo. Oggi prende il via l'ultima tappa di un percorso che abbiamo iniziato due anni fa e che ci porterà al referendum di ottobre. Sarete voi, come è giusto che sia, a dire Sì o No alla nuova Costituzione. Sarete voi a decidere se l'Italia riuscirà finalmente a voltare pagina o se invece deve essere condannata a restare ferma. Ma lo confesso, sono fiduciosa", scrive Boschi, "perché di fronte a noi c'è una grande opportunità. Con questa riforma costituzionale e con la nuova legge elettorale abbiamo l'occasione di avviare una nuova stagione, fatta di governi stabili. Nei prossimi settant'anni sarebbe bello, e utile per l'Italia, avere 14 governi e non 63 come purtroppo è accaduto nei settant'anni passati. Era da oltre trent'anni che ci si limitava a tentativi di riforma più o meno convincenti ma tutti infruttuosi. Adesso siamo ad una svolta. La fine del bicameralismo perfetto significa mettere le Istituzioni in condizione di funzionare meglio, significa poter approvare in tempi certi le leggi e non sottoporle più ad un interminabile rimpallo da una Camera all'altra. Riformare il Titolo V vuol dire eliminare la legislazione concorrente fra Stato e Regioni su materie fondamentali come ambiente, energia e grandi infrastrutture, evitando infiniti ricorsi alla Corte Costituzionale".

"Se il fatto che il nuovo Senato sia composto non da 315 ma da 100 senatori senza più indennità, non è il segno di come il tema dei costi della politica possa essere affrontato concretamente e senza demagogia? Su questo neanche i critici della riforma riescono ad avanzare obiezioni", conclude la ministra.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Prodi: alla sinistra serve un nuovo riformismo
Governo
Grasso: legislatura duri fino a 2018 per recuperare tempo perduto
Pd
Guerini: Bene Prodi. Ora il Mattarellum, è lo strumento migliore
Parma
Pizzarotti: mi ricandido, non lascio un buon lavoro a metà
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4