lunedì 23 gennaio | 09:41
pubblicato il 11/lug/2014 09:14

Riforme: Boschi, non temo imboscate Aula. Da Berlusconi prova serieta'

(ASCA) - Roma, 11 lug 2014 - ''Se devo essere sincera adesso non temo imboscate in Aula. Abbiamo raggiunto un risultato che in precedenza nessuno, ne' il centrosinistra che aveva approvato la riforma del Titolo V ne' il centrodestra della devolution, aveva ottenuto. In entrambi i casi si era arrivati in Aula senza un testo approvato dalla commissione.

Noi si', oggi ce l'abbiamo fatta'' ed ''e' stato ottenuto un risultato importantissimo'''. E' quanto dichiara, in un'intervista al Corriere della Sera, il ministro per le Riforme, Maria Elena Boschi, ''molto fiduciosa'' dopo il risultato ottenuto ieri al Senato, con il via libera della Commissione Affari costituzionali al ddl di riforma costituzionale. ''Abbiamo varato nel complesso una buona riforma, che in Aula puo' anche essere ancora migliorata, con l'accordo di tutti. E l'abbiamo fatto rispettando i tempi, lavorando con serenita' e senza strozzare il dialogo'', aggiunge il ministro, convinta che ''ciascun senatore, anche chi non e' membro della commissione, puo' partecipare al dibattito, intervenire e presentare emendamenti. Detto questo, dentro il Pd c'era una linea chiara. Votata dalla direzione, dalla segreteria, dalle assemblee dei gruppi parlamentari e, se permette, anche approvata dai cittadini, che alle ultime elezioni che al suo stesso elettorato, che questa riforma la voleva e la vuole. E non sarebbe una cosa facile, ne sono certa''.

Sul fronte Forza Italia, ''da parte di Berlusconi, sulla riforma del Senato e anche sulla legge elettorale, c'e' stata una prova di serieta' e concretezza che non possiamo non riconoscere. E' agli atti. Non penso che Forza Italia possa cambiare idea. Ma, in quel caso, saprebbe benissimo che dovrebbe spiegarlo agli italiani e anche al suo stesso elettorato, che questa riforma la voleva e la vuole. E non sarebbe una cosa facile, ne sono certa''.

''Ora la priorita' e' la riforma costituzionale.

L'Italicum verra' subito dopo - continua Boschi -. Se aprissimo adesso il dibattito sulle modifiche alla legge elettorale faremmo soltanto dei pasticci. Aspettiamo, perche' tanto anche su quel fronte siamo pronti''.

In merito al potenziale dialogo con Il Movimento 5 Stelle, il ministro sottolinea: ''Io mi limito a una considerazione.

I parlamentari di quel movimento consideravano il nostro un governo con cui non si poteva neanche parlare.

Adesso la loro disponibilita' a discutere con noi e' un fatto rilevante. E forse nasconde il segno che almeno una parte del M5S non considera piu' il governo Renzi come un governo autoritario ''.

red/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Emiliano: Trump ignora la Nato? Potremmo rinegoziare trattati
Usa
Gentiloni: Trump? Collaboreremo ma abbiamo i nostri valori
Pd
Emiliano: se qualcuno apre il congresso mi candido segretario Pd
Governo
Gentiloni: D'Alema non aiuta la discussione, troppo polemico
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4