lunedì 23 gennaio | 06:21
pubblicato il 01/ago/2013 15:45

Riforme: Borghesi(Ln), necessarie ma abbandonare visione centralista

(ASCA) - Roma, 1 ago - ''Quello che in tutti questi anni doveva essere fatto e non e' stato fatto, oggi e' improcrastinabile. Gli atteggiamenti strumentali e gattopardiani degli ultimi vent'anni non possono piu' essere tollerati''.

Lo ha detto Stefano Borghesi della Lega Nord, intervenendo in Aula alla Camera nella discussione generale sul ddl costituzionale per le riforme.

''Vogliamo ricordare -ha aggiunto- che la Lega Nord, come forza politica, quando era al Governo aveva approntato queste riforme?''.

Ribadendo la bonta' di una riforma di tipo federale Borghesi ha aggiunto: ''Il processo di riforme, e' una speranza e un augurio che tutti noi vogliamo che venga realizzato. Lo stesso Presidente del Consiglio dei ministri, nelle dichiarazioni programmatiche rese al Parlamento in relazione alle riforme costituzionali, sulle quali ha ottenuto la fiducia, ha sottolineato piu' volte la necessita' di fare tutto il possibile - e anche l'impossibile - per chiudere in tempi brevi e in modo condiviso il processo di riforma della parte seconda della Costituzione e la conseguente riforma elettorale, con completamento ed attuazione del percorso del federalismo fiscale. Altrimenti - e' lo stesso Presidente del Consiglio ad averlo piu' volte ribadito - saranno assunte le conseguenti determinazioni e si tornera' tutti a casa, tutti al voto''. ''Tutto cio' detto, auspichiamo che in questa legislatura si possa veramente riuscire ad approvare le riforme, perche' -ha concluso Borghesi- sono i cittadini, le famiglie, gli imprenditori, insomma il popolo, che le vuole, le chiede, e che fa di tutto per ottenerle. Noi del gruppo della Lega Nord ci siamo, perche' le riforme costituzionali sono nel nostro Dna''.

''Noi ci siamo -ha spiegato l'esponente della Lega Nord- perche', proprio grazie a noi, in questo Paese e' maturata la necessita' di un cambiamento essenziale, un'evoluzione profonda e di sistema. Noi siamo per un cambiamento vero verso la modernizzazione della pubblica amministrazione per adeguarla alle esigenze della societa', per semplificare gli adempimenti e adeguare la nostra legislazione a quell'Europa piu' avanzata a cui tanto si fa riferimento. Siamo, soprattutto, per valorizzare le autonomie e le specificita' territoriali, per la realizzazione delle macroregioni, che vengono sostenute ora finalmente anche in sede europea, per rispondere ai bisogni del mondo imprenditoriale e dei cittadini, per rendere competitivo il Paese. Non ci sono piu' alibi, il superamento di una visione centralista dell'amministrazione statale e' l'unica speranza di ripresa per questo Paese''.

min

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Emiliano: Trump ignora la Nato? Potremmo rinegoziare trattati
Usa
Gentiloni: Trump? Collaboreremo ma abbiamo i nostri valori
Pd
Emiliano: se qualcuno apre il congresso mi candido segretario Pd
Governo
Gentiloni: D'Alema non aiuta la discussione, troppo polemico
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4