domenica 19 febbraio | 20:16
pubblicato il 21/mag/2016 11:52

Riforme, Bersani: se perde referendum Renzi non deve dimettersi

"Enrico Letta candidato segretario Pd? Mai avuto nessun problema"

Riforme, Bersani: se perde referendum Renzi non deve dimettersi

Roma, 21 mag. (askanews) - "Assolutamente no, trovo improprio che ci sia questo legame tra governo e Costituzione". Pierluigi Bersani risponde così, in un'intervista a La Stampa, a chi gli chiede se il premier Matteo Renzi debba dimettersi in caso di vittoria del No al referendum sulla riforma costituzionale. "Diciamolo chiaro ancora una volta - spiega -: un voto sulla Costituzione non può essere né un referendum sul governo né il laboratorio di un nuovo partito".

"Voto sì se non si cambiano le carte in tavola - puntualizza Bersani -. Non voglio che si usi la Costituzione per dividere un paese, per affermare supremazie personali o nuovi percorsi politici o per selezionare classi dirigenti. Quindi chiedo a Renzi di rispondere alla seguente domanda: se un insegnante, operaio o costituzionalista, intende votare o lavorare per il no è un gufo, un disfattista, va buttato fuori dal Pd, non può candidarsi nel Pd? Deve rispondere, se no io mi ritengo libero".

Interpellato a proposito del rapporto tra il Pd e Denis Verdini l'ex segretario osserva: "Queste transumanze trasformistiche lanciano un messaggio devastante, che la politica è 'Francia o Spagna purché se magna'. Io non personalizzo, ma Verdini è un soggetto pseudo politico che si inventa per fare transumanze di ceto politico nazionale e locale, con le loro filiere elettorali. E queste filiere non portano più voti, fanno perdere dei buoni voti, quelli intenzionali".

Quanto alácongressoáanticipatoáofferto daáRenziáBersani dice: "Prima si fa meglio è, ma che sia una cosa seria, perchè lo stato del partito è molto friabile e permeabile e dunque facciamolo bene, in termini di regole. In modo da non svegliarsi un mattino con le gazzette locali che scoprono che è successo questo e altro. Io non faccio il king maker, ma lui - dice riferendosi a Roberto Speranza - sa cosa è la politica e la moralità della politica, quindi lo stimo".

OppureápotrebbeáessereáLettaáil vostroácandidato? "Su Letta non ho mai avuto nessun problema - risponde -. E continuo a dire che non è vietato, ma non lo ordina il dottore, che un segretario sia candidato premier. E al congresso porrò questo tema", conclude Bersani.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, ultima trattativa con Emiliano su primarie dopo comunali
Pd
Cuperlo a Renzi: scendi da auto, non fare 'Gioventù bruciata'
Pd
Renzi si dimette da segretario Pd, ora candidature o congresso
Pd
Il Pd avvia il congresso, direzione per fissare percorso
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia