sabato 21 gennaio | 17:23
pubblicato il 21/mag/2016 11:52

Riforme, Bersani: se perde referendum Renzi non deve dimettersi

"Enrico Letta candidato segretario Pd? Mai avuto nessun problema"

Riforme, Bersani: se perde referendum Renzi non deve dimettersi

Roma, 21 mag. (askanews) - "Assolutamente no, trovo improprio che ci sia questo legame tra governo e Costituzione". Pierluigi Bersani risponde così, in un'intervista a La Stampa, a chi gli chiede se il premier Matteo Renzi debba dimettersi in caso di vittoria del No al referendum sulla riforma costituzionale. "Diciamolo chiaro ancora una volta - spiega -: un voto sulla Costituzione non può essere né un referendum sul governo né il laboratorio di un nuovo partito".

"Voto sì se non si cambiano le carte in tavola - puntualizza Bersani -. Non voglio che si usi la Costituzione per dividere un paese, per affermare supremazie personali o nuovi percorsi politici o per selezionare classi dirigenti. Quindi chiedo a Renzi di rispondere alla seguente domanda: se un insegnante, operaio o costituzionalista, intende votare o lavorare per il no è un gufo, un disfattista, va buttato fuori dal Pd, non può candidarsi nel Pd? Deve rispondere, se no io mi ritengo libero".

Interpellato a proposito del rapporto tra il Pd e Denis Verdini l'ex segretario osserva: "Queste transumanze trasformistiche lanciano un messaggio devastante, che la politica è 'Francia o Spagna purché se magna'. Io non personalizzo, ma Verdini è un soggetto pseudo politico che si inventa per fare transumanze di ceto politico nazionale e locale, con le loro filiere elettorali. E queste filiere non portano più voti, fanno perdere dei buoni voti, quelli intenzionali".

Quanto alácongressoáanticipatoáofferto daáRenziáBersani dice: "Prima si fa meglio è, ma che sia una cosa seria, perchè lo stato del partito è molto friabile e permeabile e dunque facciamolo bene, in termini di regole. In modo da non svegliarsi un mattino con le gazzette locali che scoprono che è successo questo e altro. Io non faccio il king maker, ma lui - dice riferendosi a Roberto Speranza - sa cosa è la politica e la moralità della politica, quindi lo stimo".

OppureápotrebbeáessereáLettaáil vostroácandidato? "Su Letta non ho mai avuto nessun problema - risponde -. E continuo a dire che non è vietato, ma non lo ordina il dottore, che un segretario sia candidato premier. E al congresso porrò questo tema", conclude Bersani.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Prodi: alla sinistra serve un nuovo riformismo
Governo
Grasso: legislatura duri fino a 2018 per recuperare tempo perduto
M5s
Ue, Grillo: Alde? Si vergogni chi si è rimangiato la parola data
Fi
Fi: sostegno Berlusconi a Prodi? Accuse Salvini paradossali
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4