lunedì 23 gennaio | 07:29
pubblicato il 17/apr/2014 18:39

Riforme: Berlusconi, ddl Senato non va bene. Fare prima Italicum

Riforme: Berlusconi, ddl Senato non va bene. Fare prima Italicum

(ASCA) - Roma, 17 apr 2014 - Non piace a Silvio Berlusconi la riforma del Senato cosi' come prevista dal ddl del governo.

L'ex premier poi non capisce perche' la sinistra voglia votare prima il nuovo assetto di Palazzo Madama e poi la nuova legge elettorale, che ''riteniamo invece debba essere approvata al piu' presto possibile''. Berlusconi incontra la stampa per la presentazione delle liste di Forza Italia per le prossime europee e coglie l'occasione per affrontare il tema delle riforme. Il governo, sottolinea, prevede ''un sistema di Senato che non condividiamo nella maniera piu' assoluta''. Anche ''molti parlamentari del Pd non lo condividono: ne ho parlato con Renzi che e' disponibile a sedersi a un tavolo e trovare un sistema che sia utile al Paese''. Detto questo, Berlusconi chiarisce - riferendosi al recente incontro con il presidente del Consiglio - che ''nell'accordo con il premier abbiamo stabilito che il Senato deve costare di meno, non deve essere eletto e non deve votare la fiducia''. Forza Italia, continua, chiede che la legge elettorale sia approvata il prima possibile e non ha chiaro il motivo per cui il centrosinistra voglia invece votare prima la riforma del Senato. ''Per la riforma elettorale insistiamo che occorre approvarla al piu' presto possibile - dice Berlusconi - ed e' qualcosa che ripetiamo anche in Parlamento in continuita'. Da quello che ci viene raccontato anche dai capigruppo della sinistra l'intenzione invece e' quella di posporla al varo della riforma costituzionale sul Senato. Noi - prosegue - non capiamo questa necessita' della sinistra, forse ha paura di non trovare nel Senato i voti sufficienti per approvare la riforma elettorale cosi' come e' uscita dalla Camera. Questo ci preoccupa - rileva Berlusconi - perche' il governo non ha il controllo concreto del suo apparato parlamentare. Questo non e' un bene per fare le cose che servono al paese''.

L'ex premier infine riferisce di avere parlato con Renzi anche dell'elezione diretta del Capo dello Stato. ''Ho parlato con Renzi e i suoi - spiega Berlusconi - per fare in modo che ci sia finalmente l'elezione diretta del Presidente della Repubblica, che non sia piu' eletto dalle segreterie dei partiti''.

fdv

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Emiliano: Trump ignora la Nato? Potremmo rinegoziare trattati
Usa
Gentiloni: Trump? Collaboreremo ma abbiamo i nostri valori
Pd
Emiliano: se qualcuno apre il congresso mi candido segretario Pd
Governo
Gentiloni: D'Alema non aiuta la discussione, troppo polemico
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4