sabato 10 dicembre | 17:49
pubblicato il 29/lug/2014 11:49

Riforme: appello Chiti, tagli emendamenti su pochi temi. Voto (1upd)

+++''L'ultima parola spettera' ai cittadini col referendum confermativo''+++.

.

(ASCA) - Roma, 29 lug 2014 - Raggruppare gli emendamenti al ddl sulle riforme intorno a pochi temi qualificanti, con solo ''poche decine'' di proposte di modifica. Discuterle e votarle in Aula nel periodo da qui alla pausa estiva e poi rimandare le dichiarazioni di voto e il voto finale sul ddl ai primi di settembre. E' questo l'appello lanciato da Vannino Chiti, capofila dei dissindeti del Pd, in Aula alla ripresa dei lavori del Senato sul ddl sulle riforme.

''Non e una proposta nuova'' afferma Chiti, che sottolinea ''la condivisione di questa proposta con i senatori che sostengono la maggioranza di governo, quantomeno''. ''La mia proposta muove dalla preoccupazione che le riforme costituzionali non si realizzano in un clima dai tono cosi' esasperati, da muro contro muro, che non e' accettabile e che fa smarrire le ragioni degli uni e degli altri'' continua.

''L'esito in caso contrario - aggiunge Chiti - non e' solo la lacerazione dei rapporti politici, ma anche il blocco di una normale attivita' legislativa non accettabile per il Paese''.

L'esponente Pd sottolinea che ''chi ha ruoli significativi di maggioranza e di governo deve impegnarsi di piu' per il mantenimento del normale clima di confronto'', ma poi ribadisce che ''con il mantenimento degli emendamenti quello che e' probabile e' un clima di contrasto alto''.

Da qui la proposta di Chiti nel merito, per concentrare il confronto intorno ai grandi temi della riforma: modalita' di elezione del Senato, numero dei senatori, immunita' e incandidabilita', elezione del Presidente della Repubblica e dei ruoli di garanzia, referendum e leggi di inziativa popolare, competenze di Stato e Regioni.

''La proposta e' quella di non disperdersi in migliaia di emendamenti per concentrare il tempo prima della pausa esitva per illustrare le posizioni sugli emendamenti rilevanti, motivandole e attendere la risposta dei relatori in primo luogo - spiega Chiti -. E poi avere un confronto anche col governo e votare gli emendamenti ritenuti fondamentali. Sia chiaro, non prendiamoci in giro.

Sto parlando di alcune decine per ogni tematica. Per svolgere poi le dichiarazioni di voto e votare la riforma ai primi di settembre''.

L'ultima parola, sottolinea Chiti ''spettera' poi ai cittadini con il referendum confermativo''. njb

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Renzi verso ok a governo Gentiloni, ma su data voto è rebus
Governo
Di Maio: no a Gentiloni o altro Avatar per salvare la banca Pd
Governo
Di Battista:risponderemo a colpi piazza a tentativo fermare M5s
Governo
Seconda giornata consultazioni da Mattarella, Gentiloni in pole
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina