martedì 24 gennaio | 00:04
pubblicato il 29/lug/2014 11:49

Riforme: appello Chiti, tagli emendamenti su pochi temi. Voto (1upd)

+++''L'ultima parola spettera' ai cittadini col referendum confermativo''+++.

.

(ASCA) - Roma, 29 lug 2014 - Raggruppare gli emendamenti al ddl sulle riforme intorno a pochi temi qualificanti, con solo ''poche decine'' di proposte di modifica. Discuterle e votarle in Aula nel periodo da qui alla pausa estiva e poi rimandare le dichiarazioni di voto e il voto finale sul ddl ai primi di settembre. E' questo l'appello lanciato da Vannino Chiti, capofila dei dissindeti del Pd, in Aula alla ripresa dei lavori del Senato sul ddl sulle riforme.

''Non e una proposta nuova'' afferma Chiti, che sottolinea ''la condivisione di questa proposta con i senatori che sostengono la maggioranza di governo, quantomeno''. ''La mia proposta muove dalla preoccupazione che le riforme costituzionali non si realizzano in un clima dai tono cosi' esasperati, da muro contro muro, che non e' accettabile e che fa smarrire le ragioni degli uni e degli altri'' continua.

''L'esito in caso contrario - aggiunge Chiti - non e' solo la lacerazione dei rapporti politici, ma anche il blocco di una normale attivita' legislativa non accettabile per il Paese''.

L'esponente Pd sottolinea che ''chi ha ruoli significativi di maggioranza e di governo deve impegnarsi di piu' per il mantenimento del normale clima di confronto'', ma poi ribadisce che ''con il mantenimento degli emendamenti quello che e' probabile e' un clima di contrasto alto''.

Da qui la proposta di Chiti nel merito, per concentrare il confronto intorno ai grandi temi della riforma: modalita' di elezione del Senato, numero dei senatori, immunita' e incandidabilita', elezione del Presidente della Repubblica e dei ruoli di garanzia, referendum e leggi di inziativa popolare, competenze di Stato e Regioni.

''La proposta e' quella di non disperdersi in migliaia di emendamenti per concentrare il tempo prima della pausa esitva per illustrare le posizioni sugli emendamenti rilevanti, motivandole e attendere la risposta dei relatori in primo luogo - spiega Chiti -. E poi avere un confronto anche col governo e votare gli emendamenti ritenuti fondamentali. Sia chiaro, non prendiamoci in giro.

Sto parlando di alcune decine per ogni tematica. Per svolgere poi le dichiarazioni di voto e votare la riforma ai primi di settembre''.

L'ultima parola, sottolinea Chiti ''spettera' poi ai cittadini con il referendum confermativo''. njb

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nega tensione Renzi-Gentiloni su Agcom:non c'è inciucio con Fi
Conti pubblici
Berlusconi: nuova manovra? Rimasti conti da pagare di Renzi
M5s
Di Maio: né Salvini né Meloni, non facciamo alleanze
L.elettorale
Salvini: Consulta deve consentire di andare a elezioni a maggio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4