venerdì 24 febbraio | 20:59
pubblicato il 19/set/2013 16:43

Riforme: Anci, ddl citta' metropolitane collegato a legge stabilita'

(ASCA) - Roma, 19 set - '''In questa fase di transizione e di incertezze sia dal punto di vista normativo che finanziario, ai Comuni serve che comincino ad essere ben definiti almeno alcuni punti fermi. Per questo motivo riteniamo fondamentale che nella nota di aggiornamento al Def, che il Governo si appresta ad approvare domani, sia esplicitamente indicato che il disegno di legge sulle province e sulle citta' metropolitane sara' previsto come collegato alle legge di stabilita'''. E' quanto chiedono i Sindaci di Bologna Virginio Merola e di Venezia Giorgio Orsoni, rispettivamente responsabili per l'Anci delle questioni istituzionali e del Coordinamento delle Citta' Metropolitane. '''Una previsione - spiegano - che deve essere esplicitata formalmente per dare sostanza al nuovo regime normativo riguardante le Province ed alla istituzione delle Citta' Metropolitane a partire dal 1 Gennaio 2014''.

rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Ncd
Alfano: i moderati tornino uniti contro il populismo
Centrosinistra
D'Alema: con Orlando segretario Pd si riaprirebbe dialogo
Governo
Guerini: assurdo legare data primarie Pd a elezioni politiche
Campidoglio
Grillo: forza Virginia, giornalisti rispettino privacy Raggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech