lunedì 23 gennaio | 22:40
pubblicato il 08/lug/2015 11:44

Riforma della scuola al rush finale, voto previsto per domani

Opposizioni protestano per decisione Boldrini ridurre emendamenti

Riforma della scuola al rush finale, voto previsto per domani

Roma, 8 lug. (askanews) - Riforma della scuola al rush finale, alla Camera, dove stamattina in aula è iniziato tra le polemiche l'esame degli emendamenti. I lavori andranno avanti per l'intera giornata, il voto finale sul provvedimento è previsto per domani, salvo cambiamenti dell'ultimora. La relatrice di maggioranza Maria Coscia (Pd) e il governo hanno dato parere contrario a tutti gli emendamenti. In apertura di seduta, il vicepresidente di turno dell'assemblea Roberto Giachetti ha spiegato che la presidenza ha deciso di chiedere a ciascun gruppo di segnalare gli emendamenti da porre comunque in votazione.

Proteste dall'opposizione: per Giancarlo Giordano di Sel si tratta di una "contrazione della possibilità delle minoranze di intervenire sul testo. Sono soltanto 135 gli emendamenti presentati dalle opposizioni quindi non capiamo il motivo per cui dobbiamo subire l'ennesima contrazione dei tempi. Per quanto riguarda il nostro gruppo, passare da 27 emendamenti a uno solo ci mette di fuori dalla discussione". La decisione della presidenza della Camera, criticata anche da Lega, M5S e Forza Italia, è stata difesa da Giachetti che ha spiegato come si tratti di una "norma applicata a tutti i provvedimenti in via sistematica", una decisione "adottata sulla base di una costante prassi".

Il testo della "buona scuola" all'esame della Camera è comunque blindato, come blindati sono i tempi di approvazione per consentire già dal prossimo anno l'immissione in ruolo degli oltre 100 mila precari previsti dalla riforma. Ma il ritorno in aula della riforma si è accompagnato al ritorno della protesta in piazza di studenti, insegnanti, sindacati e opposizioni. Con un appello, di cui si è fatto interprete l'M5s, al presidente della Repubblica affinchè non firmi il provvedimento perchè significherebbe "assassinare la scuola pubblica".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nega tensione Renzi-Gentiloni su Agcom:non c'è inciucio con Fi
Conti pubblici
Berlusconi: nuova manovra? Rimasti conti da pagare di Renzi
M5s
Di Maio: né Salvini né Meloni, non facciamo alleanze
L.elettorale
Salvini: Consulta deve consentire di andare a elezioni a maggio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4