mercoledì 18 gennaio | 15:39
pubblicato il 10/gen/2013 11:58

Rifiuti: Regione Lazio presentera' ricorso al Consiglio di Stato

(ASCA) - Roma, 10 gen - La Regione Lazio presentera' immediato ricorso al Consiglio di Stato contro il pronunciamento del Tar del Lazio relativo al piano rifiuti regionale. Lo comunica una nota della Regione Lazio.

Ad una prima lettura della sentenza, spiega la regione, ''e' evidente la contraddizione della decisione del Tar con la posizione della Commissione europea che, proprio sulla base del piano rifiuti adottato dalla Giunta Polverini e approvato il 18 gennaio 20102 dal consiglio regionale del Lazio, ha chiuso la procedura di infrazione risalente alla sentenza del 14/06/2007, con cui la Corte di Giustizia dell'Unione europea ha condannato l'Italia per violazione della direttiva 75/442/CEE. Il 21 giugno 2012 la Commissione Ue, che certamente conosce i contenuti delle direttive da essa stessa emanate, ha chiuso la procedura di infrazione affermando, si leggeva in una nota, come ''la valutazione dei piani da parte della Commissione mostra che essi sono in linea con la legislazione europea''. Stupisce, dunque, che il Tar ritenga quelle stesse norme violate. E' opportuno ricordare, peraltro, come gli elementi essenziali contenuti nel Piano regionale varato dall'amministrazione Polverini riguardino la prevenzione e la riduzione dei rifiuti, la raccolta differenziata, l'utilizzo residuale delle discariche (il tutto in linea con la gerarchia di gestione dei rifiuti di cui alla Direttiva 2008/98/CE) e la definizione dei confini amministrativi di gestione dei rifiuti (ATO). Occorre rilevare come in alcuni punti della sentenza del Tar si commettano errori di natura tecnica quali ad esempio le considerazioni svolte sui deficit di trattamento meccanico biologico in cui si confondono le capacita' di impianti di trattamento con le volumetrie delle discariche. Nella sentenza non si riconosce quale sia il compito del piano regionale in merito alla definizione dei criteri di individuazione rispetto ai compiti delle Province sanciti dalla normativa ambientale e, purtroppo, in parte disattesi''.

Nella sentenza, inoltre, ''si confonde il valore dello scenario di controllo con gli obiettivi posti dallo scenario di piano. Nella evidente considerazione che lo scenario di controllo sia quello piu' realistico allo stato attuale, non viene compreso il valore di strumento correttivo che lo stesso deve avere a seguito di attivita' di monitoraggio.

Nel tentativo di rispondere piu' alle censure della Commissione europea che a quelle dei ricorrenti, la sentenza si spinge in affermazioni a dir poco opinabili come quella inerente la strategia dell'aumento delle discariche in luogo della raccolta differenziata. Inoltre, non convince la tesi per la quale il giudice ritiene che il piano incentivi la tritovagliatura, in luogo del trattamento meccanico biologico, poiche' l'obiettivo piu' chiaro e lampante del piano e' il trattamento meccanico biologico dei rifiuti laziali e soprattutto la raccolta differenziata.

Il risultato di tale pronuncia che annulla il piano e' paradossalmente quello di lasciare le cose come sono, non consentendo la realizzazione del piano teso all'aumento della raccolta differenziata e alla autosufficienza regionale degli impianti di TMB. In sostanza, il risultato di questa sentenza sarebbe quello di esentare Province, Comuni e privati dagli obblighi definiti dal Piano potendo cosi' disattendere alle funzioni previste a loro carico dal codice dell'ambiente''.

com/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
M5s
Nasce Sharing Rousseau, Di Maio: "Intelligenza collettiva M5s"
Ue
Presidenza Europarlamento: al ballottaggio Tajani e Pittella
Ue
Gentiloni vola da Merkel, sul tavolo conti pubblici e caso Fca
Terremoti
Terremoto, Boschi segue situazione. In contatto con Curcio e Errani
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute, arriva dagli Usa il "Piatto unico bilanciato"
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Trasporto su rotaia, dal 2020 si viaggerà a levitazione magnetica
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa