domenica 26 febbraio | 18:32
pubblicato il 12/set/2014 13:07

Richetti: mio operato trasparente, pm di Bologna mi ascoltino

Cifre contestate rientrano in attivita' politica e istituzionale (ASCA) - Roma, 12 set 2014 - "Voglio ribadire che il mio operato in Assemblea Regionale e' sempre stato trasparente e rispettoso delle regole e delle istituzioni. Per questo ho dato mandato al mio legale di chiedere di essere ascoltato il prima possibile dalla Procura di Bologna". Lo ha dichiarato Matteo Richetti, deputato del Pd, indagato nell'ambito dell'inchiesta sulle cosiddette 'spese pazze' alla Regione Emilia Romagna.

"In quella sede, e nel pieno rispetto dell'attivita' di indagine che i magistrati stanno svolgendo con grande impegno e professionalita', potro' chiarire la correttezza del mio comportamento e dimostrare - ha aggiunto Richetti - che ogni cifra che mi viene contestata trova pieno riscontro nello svolgimento della mia attivita' politica e istituzionale. So di aver ricoperto il ruolo di Presidente del Consiglio Regionale dell'Emilia Romagna con impegno, onesta' e trasparenza, seguendo i principi che ho sempre ritenuto fondamentali nella mia vita".

Pol/Arc

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Sinistra
Lavoro, scuola, ambiente: abito classico per la sinistra ex Pd
Pd
Pd, Veltroni: la sinistra divisa consegna l'Italia al polulismo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech