domenica 22 gennaio | 11:53
pubblicato il 06/dic/2013 15:18

Ricerca/Camera: stabilita', 23 mln per programma ricerca aerospaziale

(ASCA) - Roma, 6 dic - Ammonta a 23 mln di euro il contributo dello Stato per il 2014 alle spese di gestione del programma nazionale di ricerca aerospaziale (Prora), gestito dal Cira (Centro italiano di ricerche aerospaziali). La somma e' parte dei fondi destinati alla missione ''Ricerca e innovazione'' nell'ambito dello stato di previsione del ministero dell'Istruzione, Universita' e ricerca per il 2014, all'esame insieme alla legge di stabilita' della Camera.

Lo stanziamento complessivo per questa missione, articolata in 3 programmi, e' pari ad 1.912,9 mln di euro suddivisi tra ricerca per la didattica (1,6 mln), ricerca scientifica e tecnologica applicata, con uno stanziamento in conto competenza pari a 3,4 mln, e ricerca scientifica e tecnologica di base cui sono destinati 1.907,8 mln. In quest'ultimo programma rientrano: il Fondo ordinario per gli enti e le istituzioni di ricerca (tra i destinatari, il CNR, l'Agenzia spaziale italiana, l'Inaf) con una dotazione di 1.771,3 mln di euro; il Fondo per gli investimenti nella ricerca scientifica e tecnologica - FIRST con una dotazione di Euro 62,6 mln; il contributo dello Stato per la ricerca scientifica (cap. 1678), con Euro 43,8 mln (di cui 23,1 mln destinati al Prora; 20,3 mln come contributo alle esigenze del laboratorio di luce di sincrotrone di Trieste e di Grenoble; 0,3 mln per il CNR per la costituzione di un osservatorio sul mercato creditizio regionale). Nella nota integrativa che accompagna la tabella relativa al bilancio del Miur sono individuate le priorita' politiche su cui il ministero intende concentrare il suo impegno che, in relazione al tema della ricerca, riguardano tra l'altro la promozione di iniziative di ricerca industriale da parte di startup innovative; lo sviluppo di strategie per la crescita, il rilancio e la valorizzazione della ricerca pubblica, nonche' la promozione di forme di collaborazione tra il settore di ricerca pubblico e quello privato; la promozione di iniziative che incentivino i ricercatori che vincono i grant europei; la partecipazione a organismi e iniziative internazionali e il rafforzamento della capacita' di attrarre i finanziamenti di Horizon 2020. lcp/gbt

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Guerini: Bene Prodi. Ora il Mattarellum, è lo strumento migliore
Parma
Pizzarotti: mi ricandido, non lascio un buon lavoro a metà
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4