venerdì 20 gennaio | 17:40
pubblicato il 18/mar/2015 19:40

Ressa per Lupi a Milano, lui si difende: nessun gesto sbagliato

Il ministro dopo inchiesta sulle Grandi opere: non chiedo scusa

Ressa per Lupi a Milano, lui si difende: nessun gesto sbagliato

Milano, (askanews) - Ressa di giornalisti, telecamere e fotografi per Maurizio Lupi a Milano: il ministro, alla prima uscita pubblica dopo l'inchiesta di Firenze sulle tangenti per le Grandi opere, è atteso da una folla che lo segue per i corridoi di Made Expo, alla fiera di Rho Pero, in attesa di una sua dichiarazione.

Lupi non si sottrae alle telecamere che lo assediano, dopo le dichiarazioni istituzionali di rito, prima di riferire sul caso alla Camera. "Fino a che ritengo di non aver fatto nessuno di questi gesti, sbagliato o irresponsabile, la mia azione è lì: quando si dimostrerà esattamente l'opposto ne prenderò atto perchè è giusto prenderne atto e chiedere scusa a tutti".

Mentre esce dalla Fiera, attraversando gli stand degli espositori, qualcuno grida al ministro "vergogna" e "dimettiti" senza ricevere risposte.

Gli articoli più letti
Craxi
Berlusconi: mi manca Craxi, è stato vittima di un golpe
Pd
Pd, correnti in tensione su voto subito e leadership Renzi
Terremoto
M5s cancella mobilitazione giorno decisione Consulta su Italicum
Terremoti
Terremoto, Salvini: dimissioni Curcio? Qualcosa non ha funzionato
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Audi, 8 milioni di vetture prodotte con la trazione "quattro"
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Tpl, Sorte: anche per Delrio la Lombardia è modello da seguire