lunedì 27 febbraio | 21:37
pubblicato il 12/set/2013 19:33

Resistenza: Grasso, memoria passato valore fondante democrazia

Resistenza: Grasso, memoria passato valore fondante democrazia

(ASCA) - Roma, 12 set - ''La nostra presenza oggi e' doverosa, la esige la storia che chiede di non essere dimenticata, lo esige lo stesso rispetto per le vittime. Per decifrare il presente, per trasmettere alle nuove generazioni il valore e l'importanza della democrazia, e' di fondamentale importanza la memoria''. Cosi' il presiente del Senato, Pietro Grasso intervenendo alle celebrazioni per il 70esimo anniversario della Resistenza all'occupazione nazista e alla commemorazione dell'eccidio di Barletta in cui furono trucidati dai tedeschi 10 vigili urbani e due netturabini della citta' pugliese.

''E' stato detto che i popoli che non conservano le tracce del proprio passato non sono padroni del proprio futuro - ha aggiunto Grasso -. In queste poche parole, e' racchiuso il vero significato di questa, come delle tante altre giornate in cui, nel ricordo orgoglioso e commosso dei tanti nostri concittadini che in tempi sia di guerra che di pace sono caduti per prestar fede al loro dovere, si celebra la liberta' che questi martiri civili ci hanno donato e che rimane un bene supremo, un valore fondamentale del nostro ordinamento costituzionale''.

''La memoria deve attraversare il tempo e tutti noi abbiamo il dovere di trasmetterla alle nuove generazioni - ha proseguito il presidente del Senato -. Onoriamo tutti coloro che scelsero di mettere a rischio la propria vita, per donare all'Italia liberta' e democrazia, nella consapevolezza che siamo ancora oggi debitori del loro coraggio e del loro sacrificio. Non dobbiamo dimenticare mai l'impegno civile di questi uomini, che in molti casi si e' spinto fino alla morte. Soprattutto dobbiamo fare in modo che non lo dimentichino i nostri giovani, i ragazzi che stanno costruendo l'Italia di domani. Cosi', anche la celebrazione odierna non e' solo di coloro che hanno vissuto gli entusiasmi e i dolori di quella giornata. E' piuttosto una celebrazione che deve consolidare il legame tra le generazioni, il senso di appartenenza alla medesima comunita'''. Grasso, che con il suo discorso ha dato il via alle celebrazioni che si svolgono al Teatro Curci, era accompagnato dal ministro della Difesa, Mario Mauro, dai massimi rappresentanti locali e dall'ambasciatore tedesco in Italia, Reinhard Schaefers. ''Dialogo, partecipazione, incontro, valori etici e politici insieme - ha concluso la seconda carica dello Stato - si fanno corpo vivo nella gente, disposta a combattere e a morire in nome di principi che ancora ogg sono i nostri principi''.

njb

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrodestra
Zaia a Berlusconi: io candidato premier? E' una manfrina
Calcio
Renzi: Ranieri tradito dai suoi giocatori, ma tornerà...
Centrodestra
Salvini gela Berlusconi: no a Zaia leader e a doppia moneta
Pd
Pd, D'Alema: attacchi Renzi? Non vorrei alimentare ossessioni
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech