domenica 04 dicembre | 07:13
pubblicato il 14/apr/2015 19:13

Renzi visita Salone Mobile tra battute, strette di mano e selfie

Agli imprenditori del settore: confermiamo interventi stabilità

Renzi visita Salone Mobile tra battute, strette di mano e selfie

Milano (askanews) E' durata circa 40 minuti la visita del presidente del consiglio Matteo Renzi al Salone del Mobile di Milano, nel polo fieristico di Rho Pero, in compagnia del presidente di Federlegno Roberto Snaidero. Il premier ha scambiato battute e strette di mano con visitatori ed espositori, per poi concedersi gli immancabili selfie con alcuni simpatizzanti. Durante il discorso ufficiale, Renzi si è rivolto agli imprenditori del settore. "Prendo un impegno - ha detto il premier - senza fare un tavolo con voi: gli interventi di stabilità che servono noi siamo pronti a confermarli e, per quanto possibile, a estenderli".

Uscendo da uno stand Renzi ha poi incontrato un visitatore che gli ha chiesto di "darsi da fare" e il premier lo ha rassicurato. Infine ha acquistato un catalogo del Salone e ha lasciato 10 euro di resto come mancia alle hostess che glielo hanno venduto.

Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Riforme
Referendum, sfida decisiva per la madrina delle riforme Boschi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari