mercoledì 22 febbraio | 02:45
pubblicato il 21/feb/2016 13:15

Renzi: unico obiettivo 5 stelle è fare il male del Pd

"Hanno la sindrome di Charlie Brown"

Renzi: unico obiettivo 5 stelle è fare il male del Pd

Roma, 21 feb. (askanews) - La differenza tra M5s e Pd è che i grillini vogliono solo "il male" del Partito democratico. Lo ha detto il premier Matteo Renzi all'assemblea democratica. "Il punto vero è che 5 stelle ha un obiettivo, fare il male del Pd. Noi abbiamo l'obiettivo di fare il bene dell'Italia. Il sindaco di Livorno ha detto: il Pd deve morire. Io dico l'Italia deve vivere", ha aggiunto.

Renzi ha ricordato il tentativo di accordo con M5s sulle unioni civili: "Abbiamo pensato di fare un accordo con i 5 stelle. E' stato un errore? Io credo che dobbiamo smettere di farci del male tra di noi. Non ci saremmo mai perdonati di non fare quel tentativo. Capisco la sindrome Lucy e Charlie Brown... Bersani gli ha chiesto il governo del cambiamento, Letta gli ha chiesto di scongelarsi, io gli ho chiesto di fare le riforme insieme. Hanno la sindrome di Charlie Brown, quella di togliere il pallone all'ultimo minuto".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nomina commissione congresso, Emiliano si candida a primarie
Consip
Di Maio: Renzi vuoti il sacco su donazione da Alfredo Romeo
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Pd
Pd, Emiliano: non faccio a Renzi il favore della scissione
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia