sabato 21 gennaio | 23:25
pubblicato il 06/nov/2015 14:22

Renzi tende la mano a Regioni, sì a dl contro rischio default

Non ci sono fondi aggiuntivi ma si chiarisce la norma

Renzi tende la mano a Regioni, sì a dl contro rischio default

Roma, 6 nov. (askanews) - Dopo due rinvii e lunghe pressioni che hanno portato il governatore del Piemonte, Sergio Chiamparino, a dimettersi dalla presidenza della Conferenza delle Regioni, il Consiglio dei ministri ha approvato l'atteso decreto che aiuterà i bilanci delle Regioni a schivare il rischio default. Il provvedimento non contiene fondi straordinari o la possibilità di spalmare ulteriormente i piani di rientro, ma chiarisce alcune norme sulla contabilizzazione delle risorse ricevute negli anni scorsi dal governo per pagare i debiti con i fornitori di beni e servizi e utilizzati in diversi casi, anche per coprire le esigenze della spesa corrente.

Il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, ha mantenuto così la promessa fatta nell'ultimo vertice di palazzo Chigi ai presidenti delle Regioni ed ha teso una mano anche a Chiamparino, che è al timone della Regione che per prima si trova alle prese con un buco di bilancio importante.

L'approvazione del decreto "era necessaria" perché "c'era il rischio che le Regioni dovessero restituire due volte le somme" che lo Stato aveva anticipato per pagare i debiti con i fornitori, ha spiegato il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Claudio De Vincenti. Una norma necessaria per "evitare che ci fosse una doppia contabilizzazione della restituzione che le Regioni dovranno comunque fare allo Stato".

Il problema del Piemonte nasce dalla sentenza della Corte Costituzionale del giugno scorso che ha bocciato il metodo di contabilizzazione dei fondi anticipati dal governo, attraverso dei mutui contratti col Mef, per pagare i debiti arretrati con i fornitori che in molti casi sono però stati usati dalla Regione Piemonte anche per alimentare la spesa corrente. Alla luce di questa pronuncia, la Corte dei Conti nell'udienza di parifica del bilancio 2014, ha così certificato un deficit del Piemonte che sfiora i 6 miliardi di euro mettendo in ginocchio l'amministrazione Chiamparino.

Con il decreto, ha spiegato De Vincenti, "si sana la norma" che "avrebbe gravato in modo imprevisto sui bilanci".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Prodi: alla sinistra serve un nuovo riformismo
Governo
Grasso: legislatura duri fino a 2018 per recuperare tempo perduto
Pd
Guerini: Bene Prodi. Ora il Mattarellum, è lo strumento migliore
Parma
Pizzarotti: mi ricandido, non lascio un buon lavoro a metà
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4