lunedì 16 gennaio | 18:59
pubblicato il 14/set/2015 12:34

Renzi: tempo è galantuomo, "Buona Scuola" non è mostro paventato

"Aperti a confronto, ma non possiamo fermarci allo status quo"

Renzi: tempo è galantuomo, "Buona Scuola" non è mostro paventato

Roma, 14 set. (askanews) - "Il tempo è galantuomo e i prossimi mesi dimostreranno che la Buona Scuola non era il mostro paventato. È un primo passo, niente di eccezionale, ma un primo passo per dare più valore alla scuola e all'insegnamento". E' quanto scrive il premier Matteo Renzi in un lungo post su Facebook, nel quale approfitta del primo giorno di scuola per fare il "punto" sulla riforma varata dal governo.

"Il 97% dei docenti ha accettato il ruolo che gli è stato proposto - spiega -. Migliaia di precari hanno adesso un lavoro stabile. Alla fine della fase di assunzioni ogni scuola avrà in media sette insegnanti in più, meno classi numerose, più attività per integrazione, approfondimenti, sostegno".

Renzi ricorda che "ci eravamo lasciati con le polemiche sulla Buona Scuola e, se un po' conosco questo mondo, credo che continueranno ancora" ma fa il punto delle cose "che sono state fatte".

"Partiamo dalla sicurezza - scrive il premier -. Abbiamo ereditato una situazione molto negativa, ma non siamo gente che si piange addosso. Trentatremila immobili sono la casa dei nostri studenti. Abbiamo bussato alla porta della Banca Europea degli Investimenti (circa un miliardo di finanziamento), abbiamo destinato all'edilizia scolastica fondi di programmazione nazionale e alla fine abbiamo stanziato 3,7 miliardi per le scuole, per realizzare un totale di seimila interventi nel prossimo triennio. Di questi, seicento sono stati realizzati in questi mesi, dalla Lombardia alla Sicilia passando per l'Emilia del post-terremoto. Migliaia di ragazzi entreranno in scuole più sicure".

"Secondo: quante polemiche sulla carta igienica da portarsi da casa, ricordate? Bene, questo deriva dal fondo di finanziamento delle scuole: valeva 110 milioni di euro e di solito veniva assegnato verso novembre, per cui i presidi non sapevano bene come muoversi. Da quest'anno, invece, il fondo è già operativo, ed è stato raddoppiato. Erano 110 milioni, adesso sono 223. Oggi se una famiglia vuole dare il contributo volontario, faccia pure, ma i soldi per il funzionamento della scuola li abbiamo messi e raddoppiati. Perché noi alle scuole teniamo davvero", rimarca il premier.

"Come avete visto noi siamo persone, che amano confrontarsi e discutere, ma che alla fine portano a casa l'obiettivo. Quindi, se vogliamo abbandonare lo scontro ideologico e confrontarci sul bene comune, su ciò che veramente serve alla scuola, siamo felici di farlo. Siamo pronti ad ascoltare, migliorare, confrontarci, cambiare. L'unica cosa che non possiamo accettare è fermarci allo status quo. Per noi la scuola è la priorità, la priorità del Paese", sottolinea infine Renzi.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Bersani: Renzi non ha capito lezione, così si sbatte di nuovo
Conti pubblici
Conti pubblici, blog Grillo: Gentiloni e Padoan si dimettano
Centrodestra
Salvini: se Berlusconi preferisce Renzi, meglio soli al voto
Fca
Fca, Delrio: richiesta Germania a Ue del tutto irricevibile
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Germania in guerra contro Fca: "Richiamare 500, Doblò e Renegade"
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, ripartono lavori prolungamento M1 fino a Monza Cinisello