sabato 03 dicembre | 13:23
pubblicato il 28/lug/2016 13:30

Renzi: tanto da fare, ma ora Sud cresce più del resto d'Italia

"Un anno fa ci dissero che spacciavamo ottimismo..."

Renzi: tanto da fare, ma ora Sud cresce più del resto d'Italia

Roma, 28 lug. (askanews) - "Un anno fa di questi giorni uscì il rapporto Svimez sul Mezzogiorno: tutti a dire che il Mezzogiorno era finito, noi dicemmo che stavamo investendo tanto nel Sud perchè volevamo ripartire; dicemmo che era l'anno in cui si investiva di più nelle infrastrutture del Sud. Ci tacciarono di essere degli spacciatori di ottimismo. Ma oggi esce il rapporto Svimez e dice che il Sud è cresciuto più del resto del Paese". Lo rivendica il presidente del Consiglio Matteo Renzi, intervenendo a Colfiorito all'inaugurazione delle statali del 'Quadrilatero'.

"Non vuol dire avere la bacchetta magica - aggiunge il premier - ma vuol dire non fare i convegni ma mettersi a lavorare per risolvere i problemi. C'è ancora tanto da fare, ma se l'Italia si tira su le maniche questo Paese non è finito, è un Paese infinito nella sua bellezza, nella sua forza e nei suoi valori".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Riforme
Referendum, Renzi: con Mattarella italiani sono in ottime mani
Riforme
Referendum, Grillo: se perdiamo contro il mondo va bene lo stesso
Riforme
Referendum, Berlusconi: con voto a matita possibili i brogli
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari