mercoledì 18 gennaio | 15:29
pubblicato il 18/apr/2014 12:00

Renzi: taglio stipendi magistrati non è attentato a autonomia

"240mila è equo compenso, respingo al mittente l'accusa"

Renzi: taglio stipendi magistrati non è attentato a autonomia

Roma, 18 apr. (askanews) - "Ho grande stima e rispetto della magistratura italiana: fanno un lavoro straordinario, sono liberi e indipendenti nella loro coscienza. Per questo non credo che portare lo stipendio di un alto magistrato da 311 a 240mila sia un attentato a libertà, autonomia e indipendenza della magistratura". Lo ha detto il premier Matteo Renzi. "Io non commento le sentenze, mi aspetto che i magistrati non commentino il processo di formazione di leggi che le riguardano. Anche perchè un magistrato che prende 240mila euro riceve comunque un equo compenso, per quello che mi riguarda", insiste. Dunque "non ho paura di dirlo con molta tranquillità: accusare il governo di attentare all'indipendenza della magistratura è un atteggiamento da rispedire al mittente".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
M5s
Nasce Sharing Rousseau, Di Maio: "Intelligenza collettiva M5s"
Ue
Presidenza Europarlamento: al ballottaggio Tajani e Pittella
Ue
Gentiloni vola da Merkel, sul tavolo conti pubblici e caso Fca
Terremoti
Terremoto, Boschi segue situazione. In contatto con Curcio e Errani
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute, arriva dagli Usa il "Piatto unico bilanciato"
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Trasporto su rotaia, dal 2020 si viaggerà a levitazione magnetica
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa