sabato 25 febbraio | 13:03
pubblicato il 12/nov/2015 21:09

Renzi tace su De Luca, malumore Pd: lunedì riunione a Napoli

Deputati campani a consulto al Nazareno: rapporto con lui non funziona

Renzi tace su De Luca, malumore Pd: lunedì riunione a Napoli

Roma, 12 nov. (askanews) - Matteo Renzi continua nella linea attendista, le notizie su Vincenzo De Luca apparse sui giornali non rassicurano il premier, ma la linea resta quella di aspettare maggiori elementi. Il problema, per il leader Pd, è che nel partito cresce il malumore nei confronti del governatore: non solo Andrea Orlando è tornato a criticarlo, oggi si sono incontrati al Nazareno i deputati campani dando voce a parecchie rimostranze e fissando un nuovo incontro per lunedì mattina alle 9, a Napoli, al quale sono invitati tutti i parlamentari Pd campani, gli eurodeputati e i consiglieri regionali. Ordine del giorno: la situazione che si è aperta con l'indagine sulla presunta sentenza pilotata e, in generale, il rapporto con De Luca. Un rapporto che "non funziona", dice uno dei partecipanti dell'incontro di oggi.

Un copione che assomiglia sempre più a quello che ha portato alle dimissioni di Ignazio Marino. Viene messo in discussione non solo il ruolo di De Luca nella vicenda oggetto dell'inchiesta, ma anche la sua azione politica: " C'è clima di conflittualità tra il partito e lui, un rapporto che non funziona. Lunedì dovremo parlare di questo...".

Una situazione che si fa incandescente, per Renzi, se si considera che sull'altro fronte De Luca ha già rilanciato con una serie di avvertimenti. Oggi, quando gli è stato chiesto di commentare il silenzio del Pd sulla vicenda, il governatore ha risposto così: "Io sono pienamente autonomo, non sono adottato da nessuno, sono capace di intendere e volere da solo". E poi: "Chi pensa di fare un assedio riceverà secchiate di olio bollente in testa".

Proprio quello che Renzi vorrebbe evitare, un bis del braccio di ferro vissuto con Ignazio Marino, questa volta però con un osso duro come De Luca dall'altra parte del tavolo. Anche perché De Luca, a differenza di Marino, in Campania conta su tanti voti. Per questo il premier cerca di attendere gli sviluppi delle indagini, nella speranza che la vicenda "si risolva da sola", come dice un renziano doc, possibilmente con il chiarimento della posizione di De Luca. Ma anche in caso contrario, ovvero se emergessero elementi a carico del presidente, sarebbe più semplice arrivare ad una soluzione.

Ciò che Renzi non vuole, invece, è che l'inchiesta diventi il pretesto per mettere in discussione De Luca anche dal punto di vista politico. Il problema è che più passano le ore e meno la faccenda sembra possa risolversi "da sola". Anzi. La convocazione degli eletti campani per lunedì sembra il preludio ad una messa in stato d'accusa di De Luca, un processo politico che, appunto, potrebbe mettere in discussione il rapporto tra il governatore e la sua stessa maggioranza, proprio come accaduto con Marino. Proprio quello che Renzi vorrebbe evitare.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrosinistra
D'Alema: con Orlando segretario Pd si riaprirebbe dialogo
Campidoglio
Grillo: forza Virginia, giornalisti rispettino privacy Raggi
Pd
Pd, commissione unanime: primarie 30 aprile. Renziani: via alibi
Aborto
Aborto, Bindi: bene Zingaretti, se Lorenzin non d'accordo lasci
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech