lunedì 20 febbraio | 00:39
pubblicato il 30/apr/2016 19:33

Renzi: Sud serve a Paese, no piagnistei. Governo? Si vota nel 2018

"Lotta senza pietà a mafia". Domani da Cipe 3,5 mld investimenti

Renzi: Sud serve a Paese, no piagnistei. Governo? Si vota nel 2018

Roma, 30 apr. (askanews) - La lotta alla mafia da condursi "senza pietà" e come "priorità di tutti, di tutte le persone perbene" e non di alcuni "contro altri". La la necessità di risollevare il Mezzogiorno, cosa "giusta" ma anche "utile" per tutta l'Italia, l'impegno del governo per il Sud - a cominciare da uno stanziamento di 800 milioni per le strade siciliane e 740 milioni per Catania -, ma soprattutto un messaggio: l'Italia che vuole farcela, "riprendersi il futuro" non "ceda al piagnisteo", alle polemiche o a chi pontifica "senza sporcarsi le mani". Sta tutto dentro le ventiquattro ore che il premier Matteo Renzi trascorre - diviso tra la "rabbia" per "scandali" e le opere incompiute e l'"orgoglio" per ciò che l'Italia è e può fare - in Calabria e Sicilia - tappe Reggio Calabria, Catania, il viadotto Himera, Palermo - per la firma con Giuseppe Falcomatà, Enzo Bianco e Leoluca Orlando dei patti per il Sud. Non poteva mancare l'omaggio, con un momento di raccoglimento davanti alla lapide che lo ricorda, a Pio La Torre, segretario regionale del Pci ucciso dalla mafia il 30 aprile 1982.

Ma c'è anche, ripetuto due volte, un riferimento alla tenuta del governo fino a fine legislatura, il 2018. Renzi ribadisce di non essere venuto in Calabria e in Sicilia per "inagurazioni in pompa magna" o "passerelle" e tanto meno per "chiedere il voto: tanto per due anni non si vota". Ai giornalisti, poi, che insistono per capire se il Ponte sullo Stretto si farà o meno il premier risponde che solo "quando finalmente avremo sistemato la Calabria e la Sicilia potremo affrontare la questione del Ponte, ma prima dobbiamo togliere di mezzo quello che è rimasto fermo per troppo tempo". O sistemare quello che è crollato come nel caso del viadotto Himera sull'autostrada A19 Catania-Palermo.

"Prendiamo l'impegno: mai più scandali come quelli a cui abbiamo assistito, mai più viadotti che crollano, non ci sono i cittadini di serie A al Nord e di serie B al Sud, c'è l'Italia tutta intera" ricorda Renzi. Per poi alzare il tiro: "E' scandaloso pensare che negli ultimi 10 anni non c'è stata crescita, perché non si sono spesi i fondi stanziati dall'Ue. E' vergognoso che si siano sprecate risorse nostre". E dunque è necessario che "la classe dirigente", talvolta in Italia "campionessa nel trovare alibi", si "controlli a vicenda" in modo da evitare nuovi scandali.

Infine, oltre i problemi e le risorse del Mezzogiorno, Renzi torna sui temi del lavoro e difende il Jobs act ("Ha creato pochi posti? Sono persone non numeri"). Domani è il primo maggio e il premier dà due messaggi: il governo sarà al lavoro e "riuniremo il Cipe e annunceremo investimenti per 3,5 miliardi di euro, 2,5 per la ricerca e 1 per la cultura". "Un disoccupato - conclude - non festeggia il primo maggio, perché gli sembra un crimine. Non serve a niente raccontarsi i risultati" se poi non si mettono in campo nuove misure per fare altri passi avanti.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, ultima trattativa con Emiliano su primarie dopo comunali
Pd
Cuperlo a Renzi: scendi da auto, non fare 'Gioventù bruciata'
Pd
Renzi si dimette da segretario Pd, ora candidature o congresso
Pd
Renzi apre congresso Pd, minoranza accusa: "Sceglie scissione"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia