martedì 24 gennaio | 17:17
pubblicato il 07/nov/2015 13:33

Renzi: sinistra ideologica non vincerà mai, aiuta destra

Loro è delirio onirico, non c'è spazio a sinistra per cambiare Italia

Renzi: sinistra ideologica non vincerà mai, aiuta destra

Roma, 7 nov. (askanews) - "La sinistra ideologica non vincerà, mai. Al massimo aiuta la destra a vincere". Lo ha detto Matteo Renzi martedì scorso, nel discorso ai gruppi parlamentari del Pd che il Foglio on-line ha ripubblicato stamattina, twittato dal premier mentre al teatro Quirino di Roma avveniva il battesimo ufficiale di Sinistra italiana.

"A sinistra - ha osservato Renzi - l'operazione che stanno tentando alcuni nostri anche ex compagni di viaggio è secondo me intrisa di ideologismo. La rispetto, ma fa a pugni con la realtà. L'obiettivo della politica è fare i conti con la realtà, non confondere la realtà per ciò che non è. Il loro non è progetto politico, ma delirio onirico. Oggi non c'è uno spazio alla nostra sinistra per tentare di cambiare l'Italia".

"La politica - ha insistito Renzi - è cambiare davvero la vita della gente, non fingere di mettersi in pace la coscienza con obiettivi irrealizzabili. Questo è il tempo delle riforme, non dei proclami. È il tempo della crescita, non della decrescita. La decrescita è felice solo per chi sta già bene, funziona per chi vive nei salotti. Nelle periferie del nostro scontento la decrescita non funziona. Le prossime elezioni, anche quelle locali, le vinceremo nelle periferie, non nei salotti del centro storico. Non c'è misura più efficace per contrastare la povertà che quella di scommettere sulla crescita".

Ha rivendicato ancora il premier: "In tutto il mondo noi, il Pd, siamo percepiti come la realtà più di sinistra che esiste in Europa. Ma soltanto in Italia ci si affaccia a dare patenti di sinistra più o meno veritiere. Dalla povertà al sociale, dagli 80 euro alle case popolari, io ritengo che la nostra azione sia ispirata da una visione chiaramente di sinistra. Qui nessuno è autorizzato a dare all'altro il marchio docg su cos'è più di sinistra e cosa lo è di meno. Non è che la ditta è di sinistra se governa qualcuno e diventa un partito personale di destra se il congresso lo vince un altro. O il Pd è sempre un partito, o non lo è mai. O le regole si rispettano sempre o non si rispettano mai".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Fassino: un giovane Prodi? Il Pd un leader ce l'ha già
Governo
A P.Chigi summit Gentiloni e ministri su sicurezza-immigrazione
L.elettorale
Partiti attendono Consulta su Italicum. Già divisi sul day-after
M5s
Grillo a eletti M5s: siete portavoce, linea la decidono iscritti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Al via Peter Baby Bio, progetto toscano per omogeneizzati Km zero
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Del Pesce sarà main sponsor di Aquafarm 2017
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio, Pasquali: Leonardo pronta a cogliere opportunità sviluppo
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4