giovedì 23 febbraio | 19:56
pubblicato il 14/set/2015 20:39

Renzi sfida Grasso:art.2 non si tocca.E chiude a Ncd su Italicum

Dura replica anche a D'Alema: "Mio Pd al doppio dei tuoi Ds"

Renzi sfida Grasso:art.2 non si tocca.E chiude a Ncd su Italicum

Roma, 14 set. (askanews) - Non ci sono ragioni per consentire emendamenti all'articolo 2 della riforma del Senato, e non ci sono ragioni neanche per cambiare l'Italicum. Punto. Matteo Renzi chiude ogni spazio di trattativa sui due punti che in questi giorni agitano il governo.

Al presidente del Senato Pietro Grasso il premier riconosce il diritto di decidere sull'emendabilità dell'articolo sull'elezione del nuovo Senato, ma precisa che per lui "c'è già stata la doppia conforme" tra Montecitorio e palazzo Madama, che implica l'impossibilità di rimettere in discussione quanto già votato. All'alleato di governo invece ricorda che la legge elettorale "l'hanno votata anche loro 5 mesi fa...". Quanto al fatto che Ncd rischia di scomparire con l'Italicum, "è un tema che interessa molto gli italiani...", ironizza il premier. CHe chiude nettamente anche alla possibilità che esponenti Ncd possano essere candidati nelle file Dem: "Il Pd porterà i suoi, e già siamo tanti, Ncd quelli di Ncd".

Il premier replica a muso duro anche alle critiche di Massimo D'Alema: "D'Alema dice che il Pd va male perchè è al 34 per cento, più o meno il doppio di quanto avevano i Ds" al termine della sua segreteria: "Se D'Alema avesse deperito i Ds quanto noi abbiamo deperito il Pd, oggi avremmo visto tutta un'altra storia...". E dunque "escludo che io possa lasciare il timone del Pd, perchè abbiamo deciso, come anche in Germania, che il capo del partito è il capo del governo". Il punto, accusa Renzi, è che "mi considerano un usurpatore, ma ho vinto le primarie. Vedremo le prossime, se le perdo resterò a fare la minoranza".

Ultimo punto, le polemiche sulla sua presenza alla finale degli Us Open che vedeva l'una contro l'altra Roberta Vinci e Flavia Pennetta :"E' una dinamica molto populista", ribatte a chi lo accusa di aver utilizzato un volo di Stato. "E' naturale che il premier si muova con i voli di Stato, è scontato". Ed era "giusto" che andassero "il premier, il presidente del Coni e quello della Federazione Tennis". Polemiche che non ci sarebbero state, per Renzi, "se si fosse trattato di calcio...".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Sinistra
Scotto: nuova forza di sinistra con ex Pd, con noi 17 ex Si
Centrosinistra
Entro sabato gruppi ex Pd, pressing per convincere parlamentari
Pd
Renzi: in California cerco idee anti-populisti
Aborto
Aborto, senatori Pd: ora legge per concorsi medici non obiettori
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech