lunedì 05 dicembre | 09:36
pubblicato il 03/nov/2014 09:04

Renzi: Se necessario sul Jobs act metteremo la fiducia

Replica a Landini: sindacato fa suo mestiere ma noi non molliamo

Roma, 3 nov. (askanews) - Sul Jobs act il presidente del Consiglio Matteo Renzi non arretra e di fronte all'annuncio del segretario della Fiom Maurizio Landini di una opposizione a tutto campo non esclude il ricorso alla fiducia in Parlamento. "Il sindacato - ha detto il capo del Governo intervistato dal Tg5 - naturalmente fa il suo mestiere, in bocca al lupo e buon lavoro. Noi però andiamo avanti perché il nostro obiettivo non è quello di fare una battaglia politica, una guerra politica. Noi dobbiamo rimettere in moto l'Italia, rimettere in piedi l'Italia e non molliamo d'un centimetro".

Quanto all'ipotesi di porre la fiducia, "le dinamiche parlamentari - ha affermato - le vedremo alla Camera nelle prossime settimane. Se ci sarà bisogno di mettere la fiducia metteremo la fiducia. L'importante è che la fiducia non la perdano le donne e gli uomini che vogliono creare lavoro in Italia".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum, affluenza boom alle urne: alle 19 è già al 57,24%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari