sabato 25 febbraio | 07:44
pubblicato il 03/nov/2014 09:04

Renzi: Se necessario sul Jobs act metteremo la fiducia

Replica a Landini: sindacato fa suo mestiere ma noi non molliamo

Roma, 3 nov. (askanews) - Sul Jobs act il presidente del Consiglio Matteo Renzi non arretra e di fronte all'annuncio del segretario della Fiom Maurizio Landini di una opposizione a tutto campo non esclude il ricorso alla fiducia in Parlamento. "Il sindacato - ha detto il capo del Governo intervistato dal Tg5 - naturalmente fa il suo mestiere, in bocca al lupo e buon lavoro. Noi però andiamo avanti perché il nostro obiettivo non è quello di fare una battaglia politica, una guerra politica. Noi dobbiamo rimettere in moto l'Italia, rimettere in piedi l'Italia e non molliamo d'un centimetro".

Quanto all'ipotesi di porre la fiducia, "le dinamiche parlamentari - ha affermato - le vedremo alla Camera nelle prossime settimane. Se ci sarà bisogno di mettere la fiducia metteremo la fiducia. L'importante è che la fiducia non la perdano le donne e gli uomini che vogliono creare lavoro in Italia".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrosinistra
D'Alema: con Orlando segretario Pd si riaprirebbe dialogo
Ncd
Alfano: i moderati tornino uniti contro il populismo
Governo
Guerini: assurdo legare data primarie Pd a elezioni politiche
Campidoglio
Grillo: forza Virginia, giornalisti rispettino privacy Raggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech