mercoledì 22 febbraio | 01:01
pubblicato il 21/feb/2016 16:26

Renzi scarta su unioni civili e apre a Ncd, minoranza in allarme

Speranza: "Lo stralcio della stepchild sarebbe inaccettabile"

Renzi scarta su unioni civili e apre a Ncd, minoranza in allarme

Roma, 21 feb. (askanews) - Somiglia al gioco del cerino la mossa di Matteo Renzi per uscire dallo stallo sulla legge sulle unioni civili. Il premier, come previsto, usa l'assemblea Pd per liberarsi di una palla sempre più avvelenata: il premier ribadisce la linea del partito sulla materia, "nessuno può avere paura di due persone che si amano", ma dice chiaro e tondo che "il Pd non ha i numeri in Senato" e che a questo punto si è a un "bivio". O il Pd prova ad andare avanti con la legge così com'è, sperando che M5s superi la "sindrome di Charlie Brown" che spinge i grillini a "portare via il pallone", oppure bisogna prendere in considerazione un altro schema, un accordo con la maggioranza di governo, e dunque innanzitutto con Ncd, da suggellare magari con un emendamento e un voto di fiducia.

Il premier, però, non ha imposto la sua linea, ma ha affidato ai senatori Pd la responsabilità della scelta. "Sia il gruppo Pd a decidere, io sono disponibile a partecipare". Luigi Zanda, capogruppo in Senato, ha fissato per martedì sera l'appuntamento e sarà lì che i democratici dovranno decidere cosa fare.

Il "bivio" è di quelli pericolosi, perché l'accordo con Ncd, molto probabilmente, presupporrebbe la rinuncia alla stepchild, che non verrebbe nemmeno votata ma cancellata con un emendamento. Un prezzo che la minoranza Pd non è disposta ad accettare.

"Voglio dirlo con nettezza - commenta Speranza - se accordo di governo significa rinunciare alla stepchild adoption, sono contrario. Dobbiamo difendere le nostre idee, il nostro punto di vista, e confrontarci nel dibattito parlamentare". Identiche le parole del senatore bersaniano Miguel Gotor: "Sia chiaro: se scegliere l'accordo con Ncd significa rinunciare alla stepchild adoption noi non ci stiamo".

In teoria, c'è anche la possibilità di fare accettare a Ncd una riformulazione della legge che non cancelli del tutto la stepchild ma che semplicemente la limiti, magari anche distinguendo ulteriormente le unioni civili dal matrimonio, lasciando poi comunque all'aula la possibilità di votare - e eventualmente bocciare - l'adozione del figlio del parner. Ma è un'ipotesi sulla quale non scommettono in molti e la minoranza Pd teme che il prezzo da pagare sia proprio quello di una resa del Pd sul punto della stepchild.

La scelta, però, verrà proprio affidata ai senatori, ha deciso Renzi. Sarà il gruppo del Senato a decidere se approvare la legge possibile o se "fare come con i Dico...".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nomina commissione congresso, Emiliano si candida a primarie
Consip
Di Maio: Renzi vuoti il sacco su donazione da Alfredo Romeo
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Pd
Pd, Emiliano: non faccio a Renzi il favore della scissione
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia