domenica 22 gennaio | 20:16
pubblicato il 28/lug/2014 12:00

Renzi: riforme impresa storica, altro che svolta autoritaria

"Farle significa restituire dignità a politica e onore a Camere"

Renzi: riforme impresa storica, altro che svolta autoritaria

Roma, 28 lug. (askanews) - "C'è chi vuole bloccare tutto. E c'è chi vuole cambiare, iniziando da se stesso". Perchè modificando la Costituzione "stiamo realizzando un'impresa: una legislatura nata con le difficoltà che ricordiamo può segnare una svolta nella storia repubblicana". Lo scrive Matteo renzi, in una lettera ai senatori dellamaggioranza, ribadendo che il ddl di riforma è "una rivoluzione del buon senso in linea con le principali esperienze costituzionali europee. Si può essere d'accordo o meno con questa riforma: definirla svolta autoritaria però significa litigare con la realtà". Un provvedimento del genere "potrebbe da solo dare il senso di un'intera esperienza politica. Ma per noi deve essere solo l'inizio", insiste Renzi, assicurando che seguiranno l'esame della legge elettorale e, "da settembre, si riparte con il programma dei mille giorni: la questione giustizia, la riforma del terzo settore, la delega fiscale, la riforma del mercato del lavoro, il piano infrastrutture, la semplificazione della pubblica". Ma intanto c'è da approvare la riforma costituzionale per la quale, scrive il premier ai senatori della maggioranza, "vi accingete a passare giorni - e temo notti - in Aula". Provvedimento che "è non solo la riscrittura condivisa anche con parte delle opposizioni della Legge Fondamentale ma è anche l'inizio di un affascinante e difficile tentativo di restituire concretezza alla parola speranza. Di restituire dignità alla parola politica. Di restituire onore alla parola Parlamento. Perché il percorso possa iniziare con l'approvazione della riforma costituzionale occorre allora la vostra fatica di questi giorni e per questo vorrei ringraziarvi. So che è il vostro dovere e che anzi molti di voi sono felici di uscire dallo stallo dei primi mesi di legislatura con un progetto ambizioso. Ma so anche che in queste ore vedere il Senato costretto a perdere tempo senza poter discutere in modo civile ma attraverso emendamenti burla è triste" ed è "umiliante" discutere di "argomenti assurdi" come quelli oggetto di alcuni emendamenti. Per questo Renzi ringrazia "dal profondo del cuore" e augura "in bocca al lupo" ai senatori della maggioranza. Concludendo così: "Dalla vostra capacità di tenuta dipende molto del futuro dell'Italia. Siamo chiamati a una grande responsabilità: non la sprecheremo".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Emiliano: Trump ignora la Nato? Potremmo rinegoziare trattati
Pd
Emiliano: se qualcuno apre il congresso mi candido segretario Pd
Pd
Guerini: Bene Prodi. Ora il Mattarellum, è lo strumento migliore
Terremoti
Terremoto, Finocchiaro: Gentiloni pronto a riferire in Parlamento
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4