martedì 21 febbraio | 13:25
pubblicato il 28/lug/2014 12:00

Renzi: riforme impresa storica, altro che svolta autoritaria

"Farle significa restituire dignità a politica e onore a Camere"

Renzi: riforme impresa storica, altro che svolta autoritaria

Roma, 28 lug. (askanews) - "C'è chi vuole bloccare tutto. E c'è chi vuole cambiare, iniziando da se stesso". Perchè modificando la Costituzione "stiamo realizzando un'impresa: una legislatura nata con le difficoltà che ricordiamo può segnare una svolta nella storia repubblicana". Lo scrive Matteo renzi, in una lettera ai senatori dellamaggioranza, ribadendo che il ddl di riforma è "una rivoluzione del buon senso in linea con le principali esperienze costituzionali europee. Si può essere d'accordo o meno con questa riforma: definirla svolta autoritaria però significa litigare con la realtà". Un provvedimento del genere "potrebbe da solo dare il senso di un'intera esperienza politica. Ma per noi deve essere solo l'inizio", insiste Renzi, assicurando che seguiranno l'esame della legge elettorale e, "da settembre, si riparte con il programma dei mille giorni: la questione giustizia, la riforma del terzo settore, la delega fiscale, la riforma del mercato del lavoro, il piano infrastrutture, la semplificazione della pubblica". Ma intanto c'è da approvare la riforma costituzionale per la quale, scrive il premier ai senatori della maggioranza, "vi accingete a passare giorni - e temo notti - in Aula". Provvedimento che "è non solo la riscrittura condivisa anche con parte delle opposizioni della Legge Fondamentale ma è anche l'inizio di un affascinante e difficile tentativo di restituire concretezza alla parola speranza. Di restituire dignità alla parola politica. Di restituire onore alla parola Parlamento. Perché il percorso possa iniziare con l'approvazione della riforma costituzionale occorre allora la vostra fatica di questi giorni e per questo vorrei ringraziarvi. So che è il vostro dovere e che anzi molti di voi sono felici di uscire dallo stallo dei primi mesi di legislatura con un progetto ambizioso. Ma so anche che in queste ore vedere il Senato costretto a perdere tempo senza poter discutere in modo civile ma attraverso emendamenti burla è triste" ed è "umiliante" discutere di "argomenti assurdi" come quelli oggetto di alcuni emendamenti. Per questo Renzi ringrazia "dal profondo del cuore" e augura "in bocca al lupo" ai senatori della maggioranza. Concludendo così: "Dalla vostra capacità di tenuta dipende molto del futuro dell'Italia. Siamo chiamati a una grande responsabilità: non la sprecheremo".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Enrico Letta: Pd non può finire così, attonito da cupio dissolvi
Pd
Ultime ore per arginare la scissione nel Pd, occhi su Emiliano
Pd
Rossi: io già fuori dal Pd, spero Emiliano sia conseguente
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Olio extravergine, a Sol d'Oro Emisfero Nord Italia batte Spagna 12 a 3
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia