venerdì 02 dicembre | 19:38
pubblicato il 24/set/2014 17:38

*Renzi: riforma lavoro non rinviabile, si discute ma poi avanti

"Impensabile che faccia un passo indietro" (ASCA) - New York, 24 set 2014 - La riforma del lavoro "non e' piu' rinviabile: lunedi' presento la mia idea, ci sara' il dibattito, ma poi si decide e si va avanti tutti insieme". Lo ha detto il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, a margine dell'assemblea generale dell'Onu.

"Non e' pensabile che ci si fermi o che mi tiri indietro", ha detto ancora il premier.

Renzi ha spiegato che "c'e' una discussione nel partito che rispetto e che puo' aiutare a uscire con posizioni piu' forti.

Quello che e' chiaro e' che non e' pensabile che ci siano momenti in cui ci si ferma o ci si tira indietro. Non e' pensabile. Ci sono alcune cose in Italia che vanno fatte: la riforma della Costituzione, la legge elettorale, una radicale riforma della Pa, la riforma della giustizia e quella del lavoro che e' irrinviabile. Lunedi' presentero' la mia idea, ci sara' il dibattito, si discutera' ma poi si decide e si va avanti tutti insieme".

Rea

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Centrodestra
Berlusconi in tv propone leadership a Del Debbio: "ci rifletta"
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari