sabato 03 dicembre | 08:29
pubblicato il 08/set/2016 20:11

Renzi: riforma costituzionale non dà più poteri al premier

Un partito deve indicare una direzione

Renzi: riforma costituzionale non dà più poteri al premier

Roma, 8 set. (askanews) - "Un partito non può essere per il boh, per il mah, per il non lo so. Un partito deve indicare una direzione, e deve dire che per l'Italia c'è bisogno di cambiare e c'è bisogno di rendere questo Paese più forte e più bello". Lo ha detto il presidente del Consiglio Matteo Renzi, alla Festa dell'Unità di Reggio Emilia.

"Non c'è nessuna norma che dice più poteri al premier - ha aggiunto - io credo che la legge elettorale sia buona. Qualcuno dice no? Cambiamola. Ma bisogna trovare un'altra legge. Troppo facile dire si cambia e non dire come. Ma la legge elettorale non c'entra niente con la riforma costituzionale".

Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari