martedì 17 gennaio | 20:31
pubblicato il 11/lug/2016 20:33

Renzi: referendum il 6 novembre al massimo, no a spacchettamento

L'Italicum funziona, ma se il Parlamento è in condizione lo cambi

Renzi: referendum il 6 novembre al massimo, no a spacchettamento

Roma, 11 lug. (askanews) - Il referendum sulle riforme costituzionali si terrà a ottobre, al massimo la prima settimana di novembre. E sarà in un unico quesito. Matteo Renzi, intervistato da Beppe Severgnini per il Corriere.it, chiude dibattiti, polemiche e discussioni su tempi e modi della consultazione referendaria.

"Ragionevolmente sarà a ottobre", dice, e visto che "il 30 ottobre lo escludiamo perchè c'è il ponte, allora se non è il 30 ottobre potrà essere a naso il 6 novembre". Quanto allo spacchettamento in più quesiti, "a mio giudizio non sta in piedi". Perchè "in ballo c'è la Costituzione e la Costituzione ha delle regole e non è possibile, secondo la maggior parte dei giuristi, spacchettare e fare un referendum 'à la carte'". Insomma, discussioni "da Truman show", perchè "a Natale si spacchetta! Poi deciderà la Cassazione". In ogni caso, "a mio giudizio la domanda è semplice: volete continuare con questo Parlamento o cambiare? Volete un sistema in cui le Regioni continuino con i poteri di oggi o meno? Alla fine si fa chiarezza".

Il punto è che "io non ho paura del referendum perchè votano i cittadini", e anche chi non è un elettore dell'attuale maggioranza può scegliere il 'Sì'. A partire dall'elettore M5s che "può avere un Parlamento più numeroso e costoso o un Parlamento più semplice e che costa meno: la mia opinione è che l'elettore M5s voterà per ridurre le poltrone. Un parlamentare M5s voterà no perchè ha paura di perdere la poltrona, ma l'elettore voterà sì". Quanto a Berlusconi "non so cosa farà" in vista del referendum costituzionale, "è impossibile capirlo. Per ora ha detto 'No'".

E anche in questa lunga intervista, Renzi evita di rispondere alla domanda sul suo destino in caso di sconfitta: "Non aprirò più bocca sul mio futuro. Non entro più sul tema spacchettamento, sulla legge elettorale, su cosa faccio da grande. Io dico che il referendum è su questo punto specifico". E un messaggio il premeir lo manda anche ala minoranza interna: "Cameron ha fatto un accordo politico interno, ha ottenuto l'accordo della sua minoranza interna in cambio del referendum. C'è un grande insegnamento: mai utilizzare le istituzioni per regolare i conti con le minoranze interne. Mai. Questo è l'insegnamento che traggo".

Sul capitolo Italicum, Renzi non cambia linea: "Per me la legge elettorale c'è. Quando siamo arrivati non c'era e noi abbiamo fatto una legge con cui chi arriva primo vince. A mio giudizio è un fatto positivo. Se il Parlamento è in condizioni di farne un'altra si accomodino, ma quando siamo arrivati non c'era legge elettorale". E ricorda: "Siam partiti da qui, da una legge che il suo ideatore definì Porcellum. Oggi c'è un sistema che funziona. Alcuni preoccupati dicono: possono vincere gli altri. Sì, si chiama democrazia".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Quirinale
Mattarella da oggi in Grecia in visita ufficiale
Nato
Mattarella:Nato straodinariamente importante per pace e sicurezza
M5s
Nasce Sharing Rousseau, Di Maio: "Intelligenza collettiva M5s"
Ue
Gentiloni vola da Merkel, sul tavolo conti pubblici e caso Fca
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa