martedì 24 gennaio | 10:50
pubblicato il 01/set/2014 12:00

#Renzi prende tempo su ipotesi rimpasto: vedremo a ottobre

Da decidere se limitarsi a sostituire Mogherini o no

#Renzi prende tempo su ipotesi rimpasto: vedremo a ottobre

Roma, 1 set. (askanews) - Una "discussione sul rimpasto" Matteo Renzi non la vuole, il premier in conferenza stampa rimanda ad ottobre ogni ragionamento sulla sostituzione di Federica Mogherini alla Farnesina e sulle eventuale implicazioni che questo passaggio potrà avere. Toccare la squadra di governo è operazione sempre delicata, a maggior ragione alla vigilia di un autunno che comunque sarà impegnativo per il governo, visto l'andamento dei conti pubblici e i richiami alla continuità del rigore lanciati da Angela Merkel alla Bce. Per questo, raccontano, Renzi preferisce muoversi con grande cautela su un'operazione che, prima dell'estate, sembrava decisa. "Un ministro ragionevolmente lascerà questo governo, il 26 ottobre, da un paio di giorni prima inizieremo a pensarci. Non c'è nessuna discussione sul rimpasto". Il premier, spiegano fonti parlamentari Pd, vuole valutare con accortezza ogni mossa e solo a ottobre deciderà che tipo di operazione fare, se una semplice sostituzione della Mogherini magari con Lapo Pistelli, già vice-ministro alla Farnesina, o procedere a mosse di altro tipo. I nomi che circolano per gli Esteri sono diversi, a cominciare da quello del leader Ncd Angelino Alfano, all'attuale sottosegretario alla presidenza del consiglio Sandro Gozi (che ha la delega agli affari europei), all'attuale ministro della Difesa Roberta Pinotti, fino al manager Andrea Guerra - da oggi libero dalla guida di Luxottica- che già a febbraio venne contattato da Renzi per il dicastero dello Sviluppo economico. I rapporti con il ministro dell'Istruzione Stefania Giannini, poi, sono descritti come tutt'altro che idilliaci e anche la pattuglia di ministri Ncd è considerata dal Pd, e dallo stesso Renzi, un po sovradimensionata, tanto che da settimane si parla della possibile sostituzione di Maurizio Lupi con un democratico. Poco entusiasmo, sempre stando alle fonti parlamentari democratiche, suscita anche Federica Guidi e qualche ambizione di governo la avrebbe la vicesegretaria Pd e presidente del Friuli Debora Serracchiani. Ma, appunto, Renzi deve prima capire che tipo di operazione fare. La soluzione Pistelli, come quella di Guerra, sembra quella più probabile se si opterà per una semplice sostituzione della Mogherini, senza un rimescolamento più ampio degli uomini e dei pesi dei vari partiti all'interno del governo. Renzi, racconta un parlamentare Pd, da un lato vorrebbe aggiungere peso ad alcuni dicasteri chiave, dall'altra vuole prima valutare il percorso delle riforme del governo in queste prime settimane di ripresa. Per questo, raccontano, il premier preferisce per ora limitarsi a dire che c'è da sostituire la Mogherini, frenando un toto-rimpasto che giudica comunque premautro. Adm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nega tensione Renzi-Gentiloni su Agcom:non c'è inciucio con Fi
M5s
Di Maio: né Salvini né Meloni, non facciamo alleanze
L.elettorale
Salvini: Consulta deve consentire di andare a elezioni a maggio
L.elettorale
Grillo: legge elettorale sarà quella che deciderà la Consulta
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4