lunedì 20 febbraio | 10:10
pubblicato il 09/giu/2016 12:15

Renzi: posti lavoro aumentano, rancore ideologico non gioirne

"Jobs act ha fatto molto ma non basta"

Renzi: posti lavoro aumentano, rancore ideologico non gioirne

Roma, 9 giu. (askanews) - "I numeri di posti di lavoro dell'Istat qualsiasi paese che non vive di rancore ideologico dovrebbe accoglierli con uno sguardo sorridente. Dal febbraio 2014 sono 455mila posti in più, più 390mila a tempo indeterminato. Aver cancellato l'articolo 18 non ha tolto diritti, non ha permesso di licenziare ma di assumere". Lo ha detto il premier Matteo Renzi all'assemblea generale di Confcommercio.

"L'Italia deve guardarsi con occhi di verità allo specchio - ha aggiunto rivolgendosi alla platea di Confcommercio -, i dati positivi sulla disoccupazione riguardano gli altri e non voi. La ripresa ha coinvolto soprattutto altri settori".

"Aver cancellato l'articolo 18 non ha tolto dei diritti ma ha consentito alle imprese di assumere ma i lavoratori autonomi e la piccola impresa sono ancora in condizioni di difficoltà, Jobs act ha dato risultati positivi ma ancora non basta", ha concluso.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, ultima trattativa con Emiliano su primarie dopo comunali
Pd
Cuperlo a Renzi: scendi da auto, non fare 'Gioventù bruciata'
Pd
Renzi si dimette da segretario Pd, ora candidature o congresso
Pd
Renzi apre congresso Pd, minoranza accusa: "Sceglie scissione"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia