martedì 21 febbraio | 07:10
pubblicato il 12/feb/2015 17:32

Renzi: politica economica Ue sta cambiando, non solo per Grecia

"Con calo euro e prezzo petrolio grande occasione per imprese"

Renzi: politica economica Ue sta cambiando, non solo per Grecia

Bruxelles (askanews) - "La politica economica europea sta cambiando, e questo non riguarda solo un Paese (la Grecia, ndr); credo che con un po' di buon senso e di buona volontà le questioni economiche possano essere risolte". Lo ha detto il

presidente del Consiglio, Matteo Renzi, all'uscita dal prevertice dei socialisti europei, oggi a Bruxelles, in vista del vertice dei capi di Stato e di governo dell'Ue che si terrà nel pomeriggio.

"Credo - ha osservato Renzi parlando ai cronisti - che la discussione di oggi del Consiglio europeo non sia sui singoli Paesi, ma sulla politica economica europea. Noi lo stiamo dicendo da mesi che dobbiamo fare più crescita e meno discussioni retoriche sul passato, più investimenti. Quante volte l'abbiamo detto".

"Si sono fatti passi in avanti - ha continuato il premier - e ovviamente per alcuni non sono sufficienti, quindi è comprensibile che si continui a discutere".

Nell'agenda del vertice di oggi "ovviamente c'è un punto che riguarda il nuovo governo greco; ma il punto centrale non è una politica per la Grecia, che viene affrontata dal governo di Atene nel rapporto con le istituzioni europee. Il punto - ha sottolineato Renzi - è la politica economica europea, questo è il passaggio fondamentale: noi non dobbiamo semplicemnte cambiare la politica economica in Grecia, questo è un problema che riguarda il primo ministro Tsipras a cui facciamo i migliori auguri di buon lavoro e che dovrà dialogare, come facciamo tutti, con le istituzioni europee".

"La nostra battaglia - ha insistito il premier - è affinchè cambi la politica economica europea, una sfida sulla quale il semestre di presidenza italiana qualcosa ha fatto: la possibilità di avere maggiore liquidità nel sistema, la flessibilità, il cambio di strategia che ha portato il dollaro ad avere un maggiore apprezzamento rispetto all'euro", ha ricordato Renzi, sottolineando che si tratta di "una cosa molto importante per le nostre aziende".

Inoltre, ha continuato il premier, ci sono "gli investimenti sul piano Juncker, e naturalmente quello che sta accadendo a livello internazionale con la caduta del prezzo del petrolio". "E' un'occasione grossa, grossa, grossa, che abbiamo", ha concluso.

Gli articoli più letti
M5s
Vertici M5s a Roma, possibile incontro Grillo-Raggi in Campidoglio
Pd
Enrico Letta: Pd non può finire così, attonito da cupio dissolvi
Elezioni
Blog Grillo: pazienza italiani ha un limite, lasciateci votare
Pd
Ultime ore per arginare la scissione nel Pd, occhi su Emiliano
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia