domenica 26 febbraio | 06:57
pubblicato il 12/feb/2015 13:55

Renzi: politica economica Ue sta cambiando, non solo per Grecia

"Con calo euro e prezzo petrolio grande occasione per imprese"

Renzi: politica economica Ue sta cambiando, non solo per Grecia

Roma, 12 feb. (askanews) - "La politica economica europea sta cambiando, e questo non riguarda solo un Paese (la Grecia, ndr); credo che con un po di buon senso e di buona volontà le questioni economiche possano essere risolte". Lo ha detto il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, all'uscita dal prevertice dei socialisti europei, oggi a Bruxelles, in vista del vertice dei capi di Stato e di governo dell'Ue che si terrà nel pomeriggio.

"Credo - ha osservato Renzi parlando ai cronisti - che la discussione di oggi del Consiglio europeo non sia sui singoli Paesi, ma sulla politica economica europea. Noi lo stiamo dicendo da mesi che dobbiamo fare più crescita e meno discussioni retoriche sul passato, più investimenti. Quante volte l'abbiamo detto".

"Si sono fatti passi in avanti - ha continuato il premier - e ovviamente per alcuni non sono sufficienti, quindi è comprensibile che si continui a discutere".

Nell'agenda del vertice di oggi "ovviamente c'è un punto che riguarda il nuovo governo greco; ma il punto centrale non è una politica per la Grecia, che viene affrontata dal governo di Atene nel rapporto con le istituzioni europee. Il punto - ha sottolineato Renzi - è la politica economica europea, questo è il passaggio fondamentale: noi non dobbiamo semplicemnte cambiare la politica economica in Grecia, questo è un problema che riguarda il primo ministro Tsipras a cui facciamo i migliori auguri di buon lavoro e che dovrà dialogare, come facciamo tutti, con le istituzioni europee".

"La nostra battaglia - ha insistito il premier - è affinchè cambi la politica economica europea, una sfida sulla quale il semestre di presidenza italiana qualcosa ha fatto: la possibilità di avere maggiore liquidità nel sistema, la flessibilità, il cambio di strategia che ha portato il dollaro ad avere un maggiore apprezzamento rispetto all'euro", ha ricordato Renzi, sottolineando che si tratta di "una cosa molto importante per le nostre aziende".

Inoltre, ha continuato il premier, ci sono "gli investimenti sul piano Juncker, e naturalmente quello che sta accadendo a livello internazionale con la caduta del prezzo del petrolio". "E' un'occasione grossa, grossa, grossa, che abbiamo", ha concluso.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Errani lascia Pd: ora nuova avventura, ma ci ritroveremo
Sinistra
Lavoro, scuola, ambiente: abito classico per la sinistra ex Pd
Pd
Pd, Rosato: carte bollate? Emiliano si occupi di contenuti
Governo
Napolitano: equilibrio Gentiloni punto fermo da salvaguardare
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech